Berlusconi perde la causa per diffamazione contro il Gruppo Editoriale L’Espresso

(ANSA) L’ex premier Silvio Berlusconi ha perso, in Cassazione, la causa per diffamazione contro il gruppo editoriale L’Espresso per un articolo pubblicato sul quotidiano La Repubblica il 27 aprile 2001 nel quale veniva ripreso quanto il giorno prima aveva scritto il quotidiano inglese ‘The Economist’ nel quale si metteva in dubbio l’onestà e la trasparenza del leader di Forza Italia in concomitanza con la campagna elettorale per le elezioni politiche. Per la Cassazione era legittimo rendere noto quanto pubblicato dall’Economist. Silvio Berlusconi, in conseguenza del rigetto del suo ricorso, è stato condannato a rifondere a L’Espresso 10 mila e 200 euro per le spese di giustizia. Ad avviso della Terza Sezione Civile della Suprema Corte – sentenza 19152 depositata oggi – la pubblicazione dell’articolo ‘proveniente’ dall’Economist “per la fonte da cui proveniva, e per i contenuti che aveva, costituiva una notizia di indubbio interesse generale”, pertanto chi aveva diffuso la notizia di questo articolo in Italia “era esonerato dal verificare la verità oggettiva dei fatti narrati dal quotidiano britannico”. Inoltre l’articolo nel quale ‘Repubblica’ esponeva quanto scritto il giorno prima dall’Economist, ha rispettato “il dovere di terzietà e non decettività, consistente nel non presentare le opinioni altrui come fatti oggettivi”. Alla difesa di Silvio Berlusconi che sosteneva che il giornalista “non deve riferire all’opinione pubblica opinioni altrui, quando queste abbiamo contenuto diffamatorio”, la Cassazione replica che “quando sussista un interesse pubblico alla notizia (intendendosi per ‘notizia’ il fatto della dichiarazione del terzo), il giornalista ha diritto di riferirla, e ciò indipendentemente dalla veridicità dei fatti narrati o dalla intrinseca offensività delle espressioni usate”. In primo grado, il 21 novembre 2003, il tribunale di Roma aveva respinto la richiesta di risarcimento per danni da diffamazione avanzata da Berlusconi nei confronti del gruppo L’Espresso e si era dichiarato incompetente per territorio per quanto riguardava la domanda risarcitorio nei confronti dell’ Economist. In secondo grado, la Corte d’Appello di Roma con sentenza del 9 ottobre 2007, aveva confermato il ‘no’ alla condanna del gruppo L’Espresso affermando che “la pubblicazione dell’articolo ‘L’Economist e il Cavaliere – Perché non può governare’ sul quotidiano La Repubblica costituì legittimo esercizio del diritto di cronaca e di critica”. Nei confronti dell’Economist, Berlusconi non presentò ulteriori richieste di risarcimento. Ora la Cassazione (presidente Alfono Amatucci, relatore Marco Rosetti) ha confermato il verdetto d’appello. (ANSA, 11 settembre 2014)

Silvio Berlusconi (foto Olycom)

Silvio Berlusconi (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mediaset, Confalonieri: poche possibilità d’intesa con Vivendi

Mediaset, Confalonieri: poche possibilità d’intesa con Vivendi

Facebook valuta possibili modifiche per gli spot politici

Facebook valuta possibili modifiche per gli spot politici

Manzoni: prosegue la riorganizzazione con l’ipotesi di chiusura per sedi locali e trasferimento collettivo a Milano

Manzoni: prosegue la riorganizzazione con l’ipotesi di chiusura per sedi locali e trasferimento collettivo a Milano