A Cremona nasce Cobox per il coworking e i corsi di formazione sul mondo it

Si chiama Cobox il coworking di Cremona nato per opera del consorzio Crit (Cremona Information Technology) costituito da 8 aziende: MailUp, Microdata Group, Linea Com, Incode, Lanzoni, Gamm System, Csa Med e Next. Il nome del progetto, il logo e il dominio del sito www.co-box.it sono stati scelti attraverso un contest che ha ricevuto centinaia di adesioni dall’Italia e dall’estero.

Il 15 settembre è partito l’affitto degli spazi, che si trovano in via del Comizi Agrari 10 e comprendono 26 postazioni open space per coworker, diversi locali nei quali troveranno sede importanti realtà nel settore della ricerca, dello sviluppo tecnologico e della comunicazione e alcune sale per ospitare corsi di formazione e meeting.

A breve inzieranno infatti vari corsi di formazione tenuti da professionisti del mondo dell’Information Technology: il calendario completo è sul sito www.co-box.it.

Cobox creerà anche sinergie e partnership per offrire servizi e consulenze a tutte le start-up insediatesi. Prima e importante collaborazione già attivata è con il PoliHub (www.polihub.it), l’acceleratore di impresa del Politecnico sede di Cremona.

L’inaugurazione degli spazi è prevista per il mese di ottobre e costituirà la prima concreta opportunità per presentare gli spazi alla città e un momento di confronto con le aziende che hanno realizzato il progetto e che investiranno per la sua crescita futura.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Lucania, tra realismo magico e western. A Milano il 22 giugno al Cinema Centrale

Lucania, tra realismo magico e western. A Milano il 22 giugno al Cinema Centrale

A Nuoro le prime Masterclass per studenti di Anica e Accademia del cinema italiano

A Nuoro le prime Masterclass per studenti di Anica e Accademia del cinema italiano

Le nuove tecnologie per rendere l’inclusività. Fondazione Tim lancia il bando ‘L’arte che accoglie’

Le nuove tecnologie per rendere l’inclusività. Fondazione Tim lancia il bando ‘L’arte che accoglie’