Nasce la Digital Bros Game Academy per formare sviluppatori di videogiochi

Il Gruppo Digital Bros, multinazionale del game entertainment, ha aperto oggi le iscrizioni ai corsi, in partenza a gennaio 2015, della neonata Digital Bros Game Academy, una nuova scuola di formazione professionale post-diploma, in collaborazione con Siam – Società d’Incoraggiamento d’Arti e Mestieri – per gli aspiranti designer, creativi e sviluppatori di videogame e per i professionisti del settore che vogliano rafforzare ed aggiornare le proprie competenze.

L’Academy si compone di tre diversi corsi di specializzazione post-diploma della durata di un anno – Game Designer, Game Developer e Artist & Animator 2D/3D – e mette inoltre a disposizione dei candidati più meritevoli tre borse di studio, di cui una dedicata all’universo femminile, offerte da Digital Bros e Train2Game, partner di formazione.

I due fondatori di Digital Bros, Rami Galante e Raffaele Galante

I due fondatori di Digital Bros, Rami Galante e Raffaele Galante

L’Italia – spiega una nota del gruppo – è ancora una realtà produttiva poco sviluppata nello scenario competitivo internazionale del game entertainment: sebbene stiano continuando a crescere l’utilizzo del digitale e il consumo di intrattenimento sia a livello mondiale, con circa il 40% di app di gaming scaricate dalle principali piattaforme Google Play e iOS e una spesa dei consumatori corrispondente dell’80%, sia a livello nazionale, con un’industria dei media e dell’intrattenimento stimata di 36 miliardi entro il 2018, è ancora evidente l’assenza di un vero e proprio polo tecnico e creativo consolidato di aziende in grado di sviluppare sinergie su tutta l’industria.

In Italia non è solo il consumo di intrattenimento digitale in crescita: da una recente survey realizzata fra gli utenti di alcune tra le principali community italiane di videogamer emerge che il 98% degli appassionati, costituiti per quasi la metà da giovani dai 18 ai 25 anni, vorrebbe costruire la propria carriera professionale nel settore del Digital Entertainment, trasformando la propria passione per i videogiochi in una concreta opportunità lavorativa. Questo forte interesse nell’intraprendere un percorso di formazione valido nel settore è sentito quasi in egual misura sia al Nord che al Sud: il 45% degli utenti proveniente dal Nord Italia sarebbe pronto ad iniziare un percorso di formazione ad hoc, insieme al 31% di ragazzi dal Sud e al 24% dal Centro.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Allarme Snag. Nel primo semestre chiuse 1.410 edicole, drastica riduzione vendita quotidiani: 1.2 milioni di copie al giorno (erano 8  mln 15 anni fa)

Allarme Snag. Nel primo semestre chiuse 1.410 edicole, drastica riduzione vendita quotidiani: 1.2 milioni di copie al giorno (erano 8 mln 15 anni fa)