New media

01 ottobre 2014 | 16:52

La nuova era dei pagamenti: sarà guerra fra Apple Pay e PayPal

(ASCA) “L’industria della tecnologia si sta gia’ azzuffando per i guadagni di un futuro in cui le app potranno sostituire denaro, assegni e carte di credito”, settimane prima dell’arrivo di Apple Pay, l’applicazione presentata lo scorso 9 settembre che permette di pagare nei negozi con i nuovi iPhone attraverso la pre-registrazione delle proprie certe di credito. Il New York Times prevede “una nuova era” nei pagamenti, dopo che Apple ha stretto accordi con migliaia di gruppi commerciali e banche. “Se dubbi restavano sulle vaste implicazioni dell’ingresso di Apple in questo mercato”, scrive il quotidiano, “sono stati spazzati via martedi’” dalla notizia che eBay ha dato il via allo spin-off di PayPal, il servizio di pagamenti online che il colosso dell’e-commerce aveva acquistato nel 1998 per 1,5 miliardi di dollari. “PayPal probabilmente e’ quello che piu’ perdera’ se Apple Pay avra’ successo”, conclude l’articolo. La separazione, dice il New York Times, mira a rendere piu’ agile e versatile PayPal all’interno di un mercato dinamico.

Ma la “battaglia per i profitti deriva dalla reputazione di Apple nel rivoluzionare altre industrie”, come e’ accaduto nel caso di iPod sui consumi di musica digitale e di iPhone sul modo in cui si usano i telefoni cellulari. Lo stesso dovrebbe avvenire con Apple Pay: Cupertino infatti potrebbe avere successo dove altri hanno fallito. La testata ricorda i vani tentativi di lanciare sistemi di pagamento con dispositivi mobili, come Google Wallet e SoftCard. La strategia di PayPal contro Apple Pay punta pero’ anche a screditare il sistema di Cupertino con una campagna pubblicitaria sui principali quotidiani, in cui attacca la “debolezza nella sicurezza del software”. Apple si difende: i numeri delle carte non sono memorizzati e il sistema di sicurezza e’ basato sulla lettura delle impronte digitali, con un metodo definito “piu’ sicuro dello strisciare una tradizionale carta di credito”.(asca 1 ottobre 2014)