Pubblicità 

07 ottobre 2014 | 15:50

New York elimina un progetto pubblicitario per timori sulla tutela della privacy

(TMNews) New York ha deciso di cancellare un programma che aveva sollevato dubbi sulla salvaguardia della privacy dei cittadini, visto che era stata consentito a un’azienda di inserire dei trasmettitori nelle cabine telefoniche pubbliche, capaci di inviare segnali ai telefoni cellulari tramite il Bluetooth a scopo pubblicitario. A parlarne sono le tv statunitensi.

Le autorità cittadine, senza nessun avviso o discussione pubblica, avevano autorizzato la società Titan a mettere, in via sperimentale, dei trasmettitori nelle cabine telefoniche di cui gestisce la vendita dello spazio pubblicitario (in tutto, sono oltre cinquemila). L’obiettivo era quello di usare il segnale per inviare ai telefoni cellulari dei messaggi pubblicitari, ma il programma avrebbe potuto permettere di tracciare i movimenti delle persone.

Bill De Blasio (foto Olycom)

Bill De Blasio (foto Olycom)

Il progetto è stato reso noto ieri mattina da un articolo pubblicato da BuzzFeed News e Daily News; poche ore dopo, le autorità cittadine hanno annunciato di aver chiesto a Titan di rimuovere i trasmettitori, finora inseriti in 500 cabine di Manhattan. “Anche se i trasmettitori installati non sono capaci di ricevere o conservare informazioni personali identificabili, abbiamo chiesto a Titan di rimuoverli dalle cabine” ha detto Phil Walzak, portavoce del sindaco Bill de Blasio. Titan, a sua volta, ha negato di voler registrare gli spostamenti delle persone. I trasmettitori saranno rimossi nei prossimi giorni.

Le associazioni per le libertà civili si sono lamentate per la possibile violazione della privacy e per la mancanza di trasparenza e di una discussione pubblica sul programma. Il timore, hanno spiegato, è che la città diventi una gigantesca miniera di dati e che sia rafforzata la vasta rete di sorveglianza delle agenzie governative.

TmNews, 7 ottobre 2014