Mercato

09 ottobre 2014 | 15:08

Rcs sigla un accordo preliminare per la raccolta pubblicitaria sulle properties di Blurum

A seguito di una partnership sperimentale avviata nei mesi scorsi, il Gruppo Rcs ha siglato un accordo preliminare non esclusivo per gestire la raccolta pubblicitaria sulle properties di Blurum. La partnership – si legge in una nota dell’editore – prevede inoltre una serie di iniziative strategiche per incrementare i ricavi nell’advertising digitale e per sviluppare nuovi modelli di business attraverso l’utilizzo delle tecniche di marketing relazionale, basate sulla tecnologia proprietaria di Blurum (operativa a breve su tutte le piattaforme: pc, mobile, tablet e connected tv). Verranno inoltre avviate ulteriori attività di loyalty e crm, volte a offrire ai lettori contenuti sempre più personalizzati.

Il portale italiano Blurum opera prevalentemente nell’ambito dell’information technology e, in particolare, gestisce una specifica piattaforma aperta che eroga informazioni mirate ai propri iscritti valorizzando le loro preferenze e interessi, trasmessi attraverso le normali attività che oggi si svolgono in rete, come ad esempio la navigazione ed il search. Il modello di business di Blurum – continua la nota – prevede anche un sistema di loyalty per gli utenti: ogni volta che un utente trasmette un suo nuovo interesse conquista dei punti utili con i quali potrà ottenere dei regali. Così facendo Blurum condivide parte dei propri ricavi pubblicitari con i propri iscritti.

“Siamo certi che la partnership con Blurum ci permetterà di cogliere le notevoli opportunità di business legate allo sviluppo e alla crescita del digital advertising, garantendo buone performance a livello di ricavi”, dice Raimondo Zanaboni, direttore generale pubblicità del Gruppo Rcs. “Grazie ad una piattaforma tecnologica estremamente avanzata, potremo infatti garantire ai nostri clienti un’offerta all’avanguardia a livello internazionale”.