Editoria

10 ottobre 2014 | 16:10

La Fnsi “condivide lo sconcerto dei colleghi del Sole 24 Ore Radiocor”. Subito un confronto

(AGI) La Fnsi “condivide lo sconcerto dei colleghi de Il Sole 24 Ore Radiocor” per la richiesta dell’azienda di ricorrere all’applicazione di un contratto di solidarieta’ con la riduzione degli stipendi del 35% e, in caso di mancato accordo, all’avvio unilaterale delle procedure di cassa integrazione per tutti i giornalisti dell’agenzia di stampa. In una nota la Fnsi rileva che la decisione “appare tanto piu’ grave se si tiene conto del ruolo centrale che proprio l’azienda ha voluto assegnare all’agenzia nell’ambito di un piano editoriale che punta allo sviluppo multimediale del Gruppo 24 Ore specie per quanto riguarda i nuovi portali verticali appena lanciati”.E’ auspicabile – dice ancora la segretaria del sindacato nazionale dei giornalisti – che “l’editore si senta richiamato alla responsabilita’ sociale di una equita’ degli interventi di risanamento che non gravi solo su una delle realta’ aziendali, alla quale viene invece richiesto di pagare un prezzo altissimo anche in termini di professionalita’ e non compatibile con l’attuale elevato standard qualitativo del notiziario e di tutte le altre attivita’ editoriali svolte all’interno del Gruppo che, nonostante la grave crisi, la redazione e’ riuscita comunque a garantire finora con grande senso di responsabilita’”. E”come ha fatto finora”, la Fnsi “sosterra’” i giornalisti di Radiocor, “anche in una trattativa che si presenta difficile ma che – nel rispetto del ruolo delle parti sociali e del contratto nazionale di lavoro – dovra’ essere ricondotta al tavolo nazionale con la presenza della Fieg, alla quale chiediamo fin d’ora di fissare con urgenza un incontro”. (AGI)

Franco Siddi (foto Olycom)

Franco Siddi (foto Olycom)