Bufera sul ceo di Microsoft per la gaffe sessista

(ANSA) Chiedere un aumento? Meglio che le donne confidino nel sistema e in un ”buon karma”. È questa la frase, pronunciata durante una conferenza del Grace Hopper sulle donne nell’informatica, che ha scatenato una bufera su Satya Nadella, il Ceo di Microsoft. Le critiche sono arrivate subito ed esplose sui social network, da parte di persone comuni ma anche influenti come Maria Klawe, membro del cda della stessa Microsoft, tanto da portare Nadella a chiedere scusa via Twitter e con una lettera ai dipendenti. Rispondendo alla richiesta di un consiglio alle donne su come chiedere un aumento di stipendio, in un settore come quello informatico dove la parità di genere è lontana a venire così come quella di retribuzione, Nadella ha detto: ”Non è tanto questione di chiedere un aumento, ma di aver fede che il sistema vi darà il giusto aumento mentre andate avanti. Questo potrebbe essere uno dei superpoteri che hanno le donne che non chiedono aumenti. Perché è un buon karma”. L’affermazione non è piaciuta alle donne presenti in sala e nemmeno agli internauti, che su Twitter e Facebook hanno bersagliato Nadella tanto da spingerlo a rettificare. ”È stata una risposta inarticolata. Il nostro settore deve chiudere il divario retributivo di genere”, ha twittato il numero uno di Microsoft, che poi ha pubblicato sul web una lettera aperta ai dipendenti. ”Ho risposto a quella domanda in modo totalmente sbagliato”, ha ammesso. ”Appoggio pienamente i programmi di Microsoft e del settore per portare più donne nella tecnologia e chiudere il gap dei salari. Se pensate di meritare un aumento – ha concluso – dovete chiederlo”. (ANSA, 10 ottobre 2014)

Satya Nadella (foto Itespresso)

Satya Nadella (foto Itespresso)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Ivan Zazzaroni è il nuovo direttore di Corriere dello Sport-Stadio

Accordo Medipro-Google per trasmettere su YouTube in diretta le partite del campionato brasiliano

Settimana della legalità, Maria Falcone: dalla Rai fatto molto per contrastare la mafia