Comunicazione, Editoria

15 ottobre 2014 | 15:35

I giornalisti potranno assistere alla deposizione del prsidente Napolitano al processo sulla trattativa tra Stato-mafia

(TMNews)  I cronisti di tutte le testate avranno la possibilità di seguire in videocollegamento l’audizione del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al processo sulla trattativa tra Stato e mafia, in programma il prossimo 28 ottobre al Quirinale.
La seconda sezione della Corte d’Assise di Palermo, infatti, ha accolto la richiesta presentata dall’Ordine dei giornalisti di Sicilia, relativa alla possibilità per i cronisti di tutte le testate, di seguire la deposizione del capo dello Stato.
Il collegio ha concesso il “nulla osta, fatte salve le determinazioni della presidenza della Repubblica, alla chiesta realizzazione di un collegamento video e o audio tra la sala nella quale sarà assunta la testimonianza ed una postazione esterna riservata alla stampa”. Per gli aspetti tecnico-logistici relativi all’udienza, il collegio presieduto da Alfredo Montalto ha così rimesso la questione all’ufficio del Segretariato generale del Colle, dal quale adesso dipende la materiale fattibilità del collegamento.

In una nota, l’odg Sicilia scrive: “Nell’esprimere la propria soddisfazione per la decisione della Corte d’assise, che implicitamente riconosce il valore sociale dell’informazione e la necessita che una deposizione cosi importante possa essere seguita e raccontata da tutti i cronisti, nelle migliori condizioni possibili, l’Ordine di Sicilia – prosegue la nota – confida ora nella disponibilita del Capo dello Stato, che, come e ampiamente a tutti noto, ha sempre manifestato e dimostrato il massimo rispetto per la liberta di stampa”.
“L’Ordine siciliano, al quale si era poi associato anche l’Ordine nazionale – si legge sempre nella nota -, aveva chiesto in prima battuta che i giornalisti potessero entrare nell’aula in cui sarà sentito Napolitano, ma al tempo stesso, rendendosi conto delle difficoltà tecnico-giuridiche legate all’audizione del Presidente della Repubblica (alla quale non sono stati ammessi gli stessi imputati e le parti civili), aveva proposto la realizzazione di un collegamento in videoconferenza o quanto meno con un segnale audio da rilanciare in un’apposita sala, anche esterna al palazzo del Quirinale. La Corte ha accolto questa seconda parte della richiesta, ‘considerato l’interesse sociale particolarmente rilevante alla conoscenza del processo’, già riconosciuto dal collegio con un’ordinanza del 27 maggio 2013, e tenuto conto anche che ‘l’esame testimoniale in questione è atto non destinato alla secretazione’” (TmNews, 15 ottobre 2014)