La Cina censura il sito della Bbc: aveva pubblicato alcuni video sulle proteste di Hong Kong

(TMNews)  Il sito della Bbc è stato bloccato in Cina, qualche ora dopo la pubblicazione di un video di alcuni poliziotti di Hong Kong che malmenavano un manifestante filodemocratico. Tutto questo mentre Pechino inasprisce ulteriormente il suo controllo sui media e su internet.

E’ la prima volta che il sito della tv pubblica britannica è completamente bloccato in Cina da dicembre 2010, quando era stato reso inaccessibile per vari giorni in seguito al conferimento del premio Nobel per la pace al dissidente cinese in carcere Liu Xiaobo.
La versione in cinese del sito della Bbc, dal canto suo, è totalmente inaccessibile dal suo lancio nel 1999, a parte una breve parentesi di qualche mese in occasione dei Giochi Olimpici di Pechino nel 2008. “Subiamo un inasprimento della censura oggi in Cina”, ha commentato su Twitter il direttore dell’Ufficio Asia della Bbc, Jo Floto, che vive a Pechino.
Le autorità cinesi, ha ricordato, avevano già l’abitudine di oscurare BBC World mentre venivano diffusi i resoconti su Hong Kong. (TmNews, 15 ottobre 2014)

Jo Floto

Jo Floto, direttore dell’Ufficio Asia della Bbc

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rai, ok del Cda a Foa presidente. La nomina ora passa dalla Vigilanza

MindShare si aggiudica la gara Ferrero, top spender da 130 milioni di euro

Enel X inaugura a Vallelunga il primo e-mobility Hub dove progettare mobilità elettrica