Cinema

15 ottobre 2014 | 15:46

Festival di Roma: partenza popolare ma con glamour

(ANSA) Domani si parte con l’ennesima sterzata del Festival di Roma ”verso la festa”, come ha più volte detto il direttore artistico Marco Muller. Una nona edizione (16-25 ottobre) che torna insomma popolare, nel segno della commedia (Soap Opera di Alessandro Genovesi, in apertura, e Andiamo a quel paese di Ficarra e Picone in chiusura) e la totale abolizione della giuria internazionale per fare spazio al giudizio del solo pubblico (cinque giurie per le sezioni del Festival). Non manca però il glamour. Tra le presenze confermate, i premi oscar Benicio Del Toro e Kevin Costner (che incontrerà il pubblico venerdì 24 ottobre in Sala Sinopoli). Sul tappeto rosso del Festival sfileranno anche star come Richard Gere (American Gigolò); Willem Dafoe e Clive Owen che terrà una masterclass sabato. E ancora Rooney Mara, giovane attrice celebre per i suoi ruoli in The Social Network e Her; Guillaume Canet, attore, regista, produttore e sceneggiatore francese e Geraldine Chaplin, che incontrerà il pubblico mercoledì. In arrivo al Festival anche molti beniamini del pubblico giovane come Lily Collins, attrice e modella resa celebre dal film Biancaneve al fianco di Julia Roberts; Claudia Traisac (El 7° día di Carlos Saura); Josh Hutcherson interprete di Un ponte per Terabithia e I ragazzi stanno bene; Sam Claflin, attore di Pirati dei Caraibi – Oltre i confini del mare. Hutcherson e Claflin saranno al Festival dopo il successo mondiale della saga Hunger Games. Sul tappeto rosso anche Simon Merrells, attore britannico noto per il ruolo nella serie tv Spartacus. Sul fronte musicale al Festival sfileranno i cinque membri degli Spandau Ballet: Tony Hadley, Martin Kemp, Gary Kemp, Steve Norman e John Keeble. E, ovviamente, ci sarà Tomas Milian, attore di origine cubana verrà insignito domani con il Marc’Aurelio Acting Award durante la serata di apertura del Festival Internazionale del Film di Roma. Sul fronte festival classic poi, troviamo a ‘Cinema d’oggi’ 12 Citizens del cinese Xu Ang; ‘We are young, we are strong’ di Burhan Qurbani, regista tedesco di origini afgane; ‘Lucifer’ del fiammingo Gust van Den Berghe e il thriller ‘The lies of victors’ di Christoph Hochausler. Ci sara’ poi la celebrazione alla carriera di Takashi Miike e la presentazione del suo prossimo As the Gods Will. Per le master class attesi anche Asia Argento; il regista cult Park Chan-Wook e Walter Salles. Non mancherà per la tv che crea invidie al cinema, The Knick di Steven Soderbergh serie televisiva che si annuncia già cult. Fortissima la presenza italiana mentre la sezione Alice nella città non mancherà di guardare al pubblico dei più giovani come i red carpet animati che accompagneranno Doraemon, storico gatto televisivo anni Ottanta e l’orsetto Paddington. Tra le cose imperdibili ‘Il sale della terra’ documentario nato dall’incontro tra Wim Wenders e il grande fotografo Sebastiao Salgado. (ANSA, 15 ottobre 2014)

Marco Muller (foto Olycom)

Marco Muller (foto Olycom)