Ballando Con Le Stelle conquista non solo la televisione ma anche i social network

(AGI)  Ballando con le stelle, il programma del sabato sera condotto da Milly Carlucci su Rai1 continua ad ottenere molti successi  anche sui social. Twitter e Facebook ma anche www.ballando.rai.it hanno fatto registrare numeri da record. La rinnovata offerta sulle nuove piattaforme ha generato inevitabilmente un pubblico interattivo che ha – di fatto – iniziato a dialogare anche in diretta con il programma.

Nella notte tra sabato e domenica l’hashtag di Ballando con le stelle e’ stato in classifica tra i top five italiani posizionandosi per diverse ore al primo posto (11.837 tweet e retweet). Il profilo ufficiale di facebook (https://www.facebook.com/Ballandoconlestelle), invece, ha continuato a macinare post e commenti: i “mi piace” hanno superato quota 155.200 mentre e’ appena nata una community interattiva all’interno del sito www.ballando.rai.it dove e’ possibile giocare e votare le diverse esibizioni dei concorrenti in gara.

“Un ringraziamento di cuore a tutto il pubblico che ci sta seguendo in modo entusiasta – spiega Milly Carlucci – regalandoci il grande successo di quest’anno. Siamo soprattutto felici di quanto sta accadendo sui social media dove Ballando con le stelle risulta il programma di intrattenimento piu’ seguito e il nostro profilo facebook riscuote una grandissima attenzione. Il sito ufficiale, poi, e’ rinnovato, ha contenuti esclusivi e molto graditi da una audience molto vasta. Per noi significa aver stretto un legame emotivo con il pubblico piu’ giovane che rappresenta nostro futuro”. (AGI 20 ottobre 2014)

Milly Carlucci

Milly Carlucci

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi