Elio Catania: “Sarebbe un grave errore estendere le regole della televisione al mondo digitale”

(ASCA) “Sarebbe un grave errore pensare di estendere la regolamentazione esistente per il settore radiotelevisivo agli attori e alle imprese emergenti del mondo digitale”.

Lo ha sottolineato il presidente di confindustria digitale, Elio Catania, nel corso dell’audizione presso la IX commissione permanente della camera dei deputati nell’ambito dell’Indagine conoscitiva sul sistema dei servizi di media audiovisivi e radiofonici. Secondo Catania “si tratta di un set di regole a tutela di un telespettatore passivo, mentre l’utente del mondo web e’ un soggetto che interagisce e sceglie.

L’effetto di una simile scelta significherebbe non solo appesantire i nuovi mercati con norme non adeguate a favorirne lo sviluppo, ma soprattutto abbassare gli stimoli concorrenziali e vincolare l’innovazione”. “E’ di fondamentale importanza che l’attenzione del parlamento a questi fenomeni non sia improntata a un’ottica difensiva e di conservazione dell’esistente anche nell’ottica dello sviluppo delle imprese tradizionali  ma punti a creare nuove e migliori condizioni affinché il paese colga le grandi opportunita’ offerte dal processo di convergenza dei media audiovisivi con le tecnologie digitali”.

Da questo punto di vista e’ percio’ auspicabile che “il legislatore si approcci a questa materia abbandonando i vecchi schemi di regolamentazione stringente a favore di modelli di autoregolamentazione e co-regolamentazione, i soli che si dimostrano in grado di coniugare nel mondo web lo sviluppo delle attivita’ alla tutela di diritti garantiti dall’ordinamento”.

Elio Catania

Elio Catania

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi