01 dicembre 2014 | 11:51

Francesco Cancellato è il nuovo direttore responsabile de Linkiesta. Il suo primo editoriale sulla ‘generazione smarrita’

Oggi è il primo giorno di Francesco Cancellato nella veste di direttore responsabile de Linkiesta. Ha 34 anni ed era già un giornalista della redazione della testata online. Nel suo primo editoriale pubblicato sul sito parla della crisi e della necessità di ripartire: “Se i giovani vogliono che l’Italia cambi, devono cambiarla. Noi de Linkiesta siamo con loro”, scrive.

“Abbiamo di fronte una sfida bella e difficile”, spiega il nuovo direttore. “Quella di ridare, nel nostro piccolo, fiato e speranza ai nostri coetanei. Un corpo sociale paralizzato, persuaso ormai da sei anni consecutivi di recessione di essere la generazione perduta, quella che guadagnerà meno dei propri genitori, che ne dissiperà la ricchezza prodotta dal dopoguerra a oggi, che è meglio che non faccia figli, per non dar loro un futuro misero. Che scappa dall’Italia, se le va bene. Che si rifugia nella disillusione, nel disinteresse, nel non voto, se va male”.

Francesco Cancellato

Francesco Cancellato (foto Twitter)

“Linkiesta che ho in mente è un giornale in grado, nel suo piccolo, di disinnescare l’ineluttabilità di questo destino”, continua Cancellato. “Che possa aiutare i suoi lettori a interpretare la realtà, dando loro più strumenti per cambiarla. Che possa raccontare loro le storie delle persone e delle piccole imprese che hanno messo il loro coraggio al servizio della modernizzazione, affinché servano da esempio. Che possa essere il megafono delle piccole e grandi ingiustizie che subiscono. Che possa combattere con coraggio e senza pudore per l’affermazione di princìpi, diritti, politiche. Che possa fare tutto questo con la massima chiarezza e il massimo rigore”.

Clicca qui per leggere l’editoriale integrale.