Nordcorea non nega attacco hacker alla Sony

(ASKANEWS) La Corea del Nord ha rifiutato di negare di essere coinvolta in un attacco hacker alla Sony Pictures, che ha portato alla distribuzione illegale di alcuni film, tra i quali “The Interview”, nel quale si racconta di un regime molto somigliante a quello di Kim Jong Un.

Lo scrive la Bbc. Un portavoce del governo nordcoreano, interpellato in merito all’attacco hacker, ha risposto: “Aspettate e vedrete”. Nel film Seth Rogen e James Franco sono due reporter che ottengono udienza presso Kim. La Cia quindi li assume per far fuori il dittatore. Il film e’ stato descritto da Pyongyang come “un’istigazione al terrorismo” e ha chiesto agli Stati uniti, dove ha sede la Sony Pictures, e all’Onu di bloccarlo. Il sistema informatico della Sony in California e’ stato attaccato da hacker presumibilmente cinesi e diversi film ancora non diffusi sono stati pubblicati sui siti di condivisione video. Tra questi, anche il remake del musical “Annie” e il film di Brat Pitt “Fury”.( Askanews, 2 dicembre 2014).

David McIntosh, vice presidente soluzioni 4k di Sony Digital Cinema America e Europa

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci