Il Rapporto Aie sulla piccola editoria presentato oggi a Più libri più liberi (GRAFICI)

Piccoli ma grandi innovatori, comunque in trasformazione. E’ questo l’altro volto della piccola e media editoria, raccontata non solo attraverso i segni meno. Creatori di mondi e di personaggi, portavoce di universi narrativi e instancabili organizzatori di cultura, capaci di interpretare i desideri dei lettori e trasformarli in libri, gli oltre mille marchi – attivi commercialmente – della piccola editoria rappresentano una ricchezza inestimabile per il mondo del libro: quasi il 50% dei titoli pubblicati e il 20% dei titoli commercialmente vivi. E non solo idealmente: i 400 editori che espongono alla fiera Più libri più liberi dedicata alla piccola e media editoria (Roma, 4-8 dicembre) in termini di fatturato valgono qualcosa come il terzo-quarto ‘gruppo editoriale’ italiano.

Per fotografarne le dinamiche è uscito oggi sulle principali piattaforme online il Rapporto sullo stato della piccola editoria 2014, a cura dell’Ufficio studi dell’Associazione Italiana Editori (Aie), per la collana dei Quaderni del Giornale della Libreria: un’indagine a tutto tondo basata su un campione di 220 piccoli editori (10 – 60 titoli) interrogati su produzione, fatturati, internazionalizzazione, digitale e soprattutto sul futuro, in modo omogeneo rispetto a ricerche analoghe del 2000.

Cosa ne emerge? L’elemento in assoluto più curioso – spiega l’Aie – è che i piccoli editori, o almeno una parte di essi (circa il 14%) non solo si sono innovati nelle componenti di natura più editoriale, ma anche in quelle imprenditoriali: vendono più delle media attraverso e-commerce (“pesa” il 15,6% per i piccoli dell’indagine rispetto al 12% di media), fanno più e-book (il segmento vale per i piccoli, in base alle loro risposte, il 4,7% nel 2013 e arriva all’8,9% in previsione 2014. La stima 2014 per il mercato ebook generale è al 5%), usano di più i social network, vendono più diritti a editori stranieri (la vendita di diritti di opere della piccola e media editoria è cresciuta del 96,2% dal 2011). Ma vi è un altro 43% a cui basterebbe poco per inserirsi in questo percorso virtuoso. E qui anche la politica può avere un ruolo importante.


Nel dettaglio anche qualche dato (negativo) per riflettere: i piccoli editori dell’indagine pubblicano meno novità (-14,8% nel 2013 rispetto all’anno prima e un altro -4% in previsione per il 2014) e ristampano meno (-15,5% nel 2013 ma +4,1% per il 2014). Le tirature si riducono: in media un piccolo editore era presente (nel 2013) in 334 librerie, per quest’anno la previsione è di 308, forse compensate dalle librerie online. Preoccupante il tema delle rese: da un 52% del 2000 si è passati a toccare il 63,6% quest’anno (almeno come previsione 2014).

Più in generale, nel 2013 export e vendita di diritti di edizione di libri italiani all’estero sono cresciuti del +7,3% rispetto al 2012 (dopo un 2011 poco positivo). La capacità, e la possibilità di vendere diritti di edizione a editorie straniere, risulta però diversa da genere a genere (si pensi solo all’editoria per ragazzi: +2,3% nel 2013), da Paese a Paese, anche in rapporto alla dimensione dell’impresa. Cresce di molto la capacità della piccola editoria a vendere titoli all’estero: +96,2% tra 2011 e 2014, anche se i numeri assoluti sono ancora piccoli.

Per questo Più libri più liberi dedica tre incontri professionali al tema: il primo, ‘Le opportunità per l’editoria italiana nel mercato Usa’ (in collaborazione con Ice – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane), previsto il 5 dicembre alle 13 nella Sala Smeraldo del Palacongressi, sarà l’occasione per presentare l’Italian Publishing Research Project, una ricerca che esamina la vendita dei diritti di opere italiane nel mercato Usa e il posizionamento della letteratura italiana rispetto a quella di Francia, Spagna e Germania nostri diretti concorrenti. Parteciperanno Chad Post (Open Letter Books e University of Rochester) e Matteo Picariello (Ice Agenzia di Chicago).

Il secondo incontro è previsto per sabato, 6 dicembre, alle 12 in Sala Smeraldo ed è dedicato a fornire gli ‘Elementi operativi per l’internazionalizzazione del business editoriale’ (in collaborazione con Ice), condotto da Paola Pecchioli (Rights manager de Il Mulino) e Ines Aronadio (Ice) per favorire da un lato l’allargamento del dialogo anche al di fuori dei Paesi europei e verso i mercati emergenti, dall’altro valorizzare le eccellenze di molti settori della piccola editoria (ragazzi, enogastronomia, graphic novel, ecc.).

Alfieri Lorenzon, direttore Aie

Alfieri Lorenzon, direttore Aie

Sempre il 6 dicembre alle 14 BooksinItaly si presenta ai piccoli editori. Il portale – realizzato da Fondazione Alberto e Mondadori, promosso da Ministero degli affari esteri, Ministeri dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Centro per il libro e la lettura, in collaborazione con Aie, con il patrocinio di Expo 2015, e con il sostegno di Regione Lombardia, Comune di Milano e Fondazione Cariplo – si rivolge agli editori – sia italiani sia stranieri – agli agenti letterari, ai traduttori, agli italianisti, agli Istituti italiani di cultura e agli italiani all’estero. E’ pensato per favorire la presentazione dei titoli degli editori italiani, e in particolar modo a quelli più piccoli, agli operatori di settore stranieri, ed è uno strumento particolarmente adatto a quei piccoli editori che non hanno una struttura specificamente dotata e che dispongono di un numero limitato di titoli da proporre alle case editrici straniere. Interverranno Luisa Finocchi (Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori), Mario Giro (Sottosegretario di stato al Ministero degli Affari Esteri) e Alfieri Lorenzon (direttore Aie).

Il Rapporto sullo stato della piccola editoria 2014 è scaricabile gratuitamente dalle principali piattaforme solo oggi 4 dicembre. Dal 5 dicembre sarà in vendita al costo di 3,99 euro.

Qui il Rapporto Aie sullo stato dell’editoria in Italia 2014 presentato alla Buchmesse di Francoforte l’8 ottobre.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Casalino ‘chiude’ il Foglio ed esplode la polemica. Cerasa ironico lancia campagna abbonamenti (codice promo ROCCO)

Svelato il nuovo manifesto del Gp d’Italia di Formula1. Sticchi Damiani (Aci): fusione tra tradizione e innovazione

Il Foglio risponde a Casalino con un abbonamento “anticasta”. Sconti del 20% per chi inserisce il codice ROCCO