Al regista Pupi Avati sarà assegnato il premio televisivo “Santa Chiara 2014”

(ASKANEWS)  Il premio televisivo “Santa Chiara 2014” sara’ assegnato domani al regista Pupi Avati.

Una delegazione, guidata dalla presidente del Comitato organizzatore Daniela Fanelli, si rechera’ a Roma domani mercoledi’ 10 dicembre,nella sede di produzione Duea Film Spa per la cerimonia di consegna del riconoscimento che viene attribuito per due produzioni andate in onda tra il 2013 e il 2014 sulla Rai dal titolo, “Un matrimonio” e “Un bambino cattivo” nelle quali emergono i valori della famiglia e delle relazioni. Il premio nasce nel 1988 per volonta’ di alcuni ideatori tra cui monsignor Vittorio Peri gia’ primo presidente in collaborazione con la Curia diocesana, le famiglie francescane, la Fondazione Internazionale Assisi e il Comune.

Lo scopo primario e’ stato sempre quello di dare concreta rilevanza alla proclamazione di Santa Chiara quale “patrona della televisione”, voluta il 14 febbraio 1958 da Papa Pio XII per lo straordinario episodio vissuto dalla Santa nella notte del Natale 1252, quando “Chiara partecipo’ con radioso trasporto alla celebrazione che avveniva in Chiesa, pur rimanendo, inferma, distesa nella sua cella: miracolo della fede”. Il premio biennale, assegna riconoscimenti simbolici a reti televisive, autori,registi, conduttori che hanno trasmesso nel biennio di riferimento programmi capaci di ispirare profondi valori spirituali e morali e di promuovere l’arricchimento interiore della persona. Particolare attenzione e’ stata data alle edizioni concomitanti con le celebrazioni clariane in particolare, il 750° anniversario della morte della Santa. (Askanews, 9 dicembre 2014).

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi