Giacomelli: “Se pensiamo solo a un’Europa delle regole siamo destinati a perdere”

“Se pensiamo solo a un’Europa delle regole contro gli Stati Uniti dell’innovazione siamo destinati a perdere. La Rete è il luogo delle opportunità: vedo rischi e minacce, ma non nel modello degli Usa, li vedo da altre parti”. Questo un passaggio dell’intervento del sottosegretario alle Comunicazioni Antonello Giacomelli oggi al Maxxi di Roma per l’evento ‘Eccellenze in digitale’ organizzato da Symbola, Google e Università Ca’ Foscari di Venezia, nel corso del quale Giacomelli non ha voluto commentare le scelte del governo spagnolo sulla Google tax “perché non tocca a chi esercita il ruolo della Presidenza del semestre commentare le decisioni degli altri governi: tra qualche settimane ci sentiremo più liberi di esprimere la posizione del governo italiano”.

Antonello Giacomelli

Antonello Giacomelli

“I problemi ci sono – ha aggiunto Giacomelli – e ho visto che il nuovo garante europeo ha promesso la riforma della privacy entro il prossimo anno. Però fuori da un nuovo dialogo tra Europa e Stati Uniti non c’è futuro: sono contento che all’ultimo Consiglio Ue delle telecomunicazioni l’Europa abbia approvato all’unanimità il documento sulla nuova governance di Internet. L’accesso adeguato alla rete deve essere garantito come un servizio universale e un diritto fondamentale al quale devono contribuire tutti, anche gli Over the top, in condizioni di parità di concorrenza. Quando sento che qualcuno è contento perché con il ritardo sulla banda ultralarga non arriva Netflix provo un po’ di tristezza”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Potenza degli influencer. Un tweet di Jenner fa perdere a Snapchat 1,3 miliardi

Lotti: il problema della Serie A era il valore troppo basso. L’assegnazione dei diritti a Mediapro fa ben sperare

Cairo: dal mio arrivo in Rcs, nel 2016, debito sceso di 8 milioni ogni mese