12 dicembre 2014 | 11:56

Accenture apre un hub digitale a Milano con gli specialisti di interactive design di Fjord

Fjord, la multinazionale inglese della consulenza digitale e del service design, presente in 15 città del mondo, con oltre 500 designer e circa 300 clienti, sbarcherà presto anche in Italia, aprendo una sede a Milano nei primi mesi del 2015.
La società, specializzata nell’ideazione e nella realizzazione di customer experience distintive attraverso le varie piattaforme digitali (smartphone, tablet, computer), è stata acquisita l’anno scorso da Accenture, andando a rafforzare la piattaforma Accenture Digital che conta oltre 28mila professionisti a livello globale.
Della piattaforma fa parte anche una società italiana acquisita di recente dal gruppo della consulenza, i4C Analytics, specializzata nella realizzazione di applicazioni di analisi dei dati per fornire supporto decisionale su questioni di business.
A livello globale, le acquisizioni di Fjord e i4C si aggiungono a quelle di avVenta Worldwide nel 2012 e di Mahi nel 2013, operazioni che hanno portato a una crescita a doppia cifra anno su anno dei business digitali del gruppo, che già oggi rappresentano il 17% dei ricavi complessivi, con un giro d’affari che si aggira intorno ai 5 miliardi di dollari.

Mark Curtis, co-founder & chief client officer di Fjord

Le attività in Italia di Fjord sono sate presentate il 10 dicembre nella sede di Accenture da Mark Curtis, cofondatore e chief client officer della società inglese.
Per l’occasione è stato fornito un assaggio in anteprima dei Fjord Trends 2015, un rapporto sulle tendenze che trasformeranno il modo di vivere e il business delle aziende sul fronte del design, dell’innovazione, della tecnologie digitali.
Secondo gli esperti di Fjord il digitale trasformerà in maniera sempre più marcata l’interazione fisica. Questo non significa che i servizi automatizzati sostituiranno l’approccio umano, che al contrario sarà sempre più importante. Le imprese dovranno dedicare grande attenzione all’esperienza multicanale del cliente, in modo che l’utente, spostandosi tra dispositivi e ambienti diversi, mantenga la stessa esperienza, in modo fluido e coerente.