L’Agi firma con l’agenzia stampa pakistana PPI un accordo che sancisce la collaborazione nella produzione editoriale

(AGI)  L’agenzia di stampa pakistana PPI – Pakistan Press International e Agi – Agenzia Giornalistica Italia hanno firmato oggi a Karachi un Memorandum of Undestanding che sancisce la collaborazione tra le due agenzie nella produzione editoriale, sia nell’ambito dell’informazione primaria che nelle attivita’ di comunicazione integrata e multimediale, nella formazione professionale e nell’organizzazione di eventi sul territorio.

L’accordo conferma la volonta’ di PPI e di Agi di definire progetti congiunti che favoriscano lo sviluppo dei rapporti commerciali e culturali tra Italia e Pakistan, rafforzando il valore di entrambe le agenzie, key player nei mercati internazionali della comunicazione. (AGI) Red/Uba (Segue)(AGI) – Karachi, 15 dic. – “La firma di questo accordo tra PPI e Agi e’ un passo significativo nello scambio di informazioni tra Pakistan e Italia” ha dichiarato il Chairman di PPI Owais Aslam Ali, “e ritengo che contribuira’ ad aumentare la comprensione reciproca e anche le opportunita’ di cooperazione economica tra questi due importanti Paesi dell’Asia meridionale e dell’Europa”.
“Il Pakistan e l’Italia hanno forti rapporti politici ed economici” ha commentato Gianni Di Giovanni, Amministratore Delegato di Agi, “fin dalla nascita del Pakistan nel 1947 e, a partire da oggi, hanno anche rapporti giornalistici. Sono certo che questa collaborazione dara’ buoni frutti e mostrera’ ancora una volta che gli italiani ed i pakistani possono fare grandi cose quando lavorano insieme. Proprio come accadde nel 1954, quando il geografo e geologo Ardito Desio, su mandato del governo del Pakistan, ha per primo scalato il K2”. (AGI 15 dicembre 2014)

Owais Aslam Ali

Owais Aslam Ali

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Potenza degli influencer. Un tweet di Jenner fa perdere a Snapchat 1,3 miliardi

Lotti: il problema della Serie A era il valore troppo basso. L’assegnazione dei diritti a Mediapro fa ben sperare

Cairo: dal mio arrivo in Rcs, nel 2016, debito sceso di 8 milioni ogni mese