Comunicazione, New media

17 dicembre 2014 | 10:01

Stati Uniti, gli hacker pubblicano 32.000 email private dell’ad di Sony e minacciano un attacco terroristico

(ASKANEWS) Gli hacker che lo scorso 24 novembre sono riusciti a infiltrarsi nel sistema informatico di Sony Pictures hanno pubblicato 32.000 mail private dell’amministratore delegato del gruppo, Michael Lynton.

La mossa potrebbe essere il colpo piu’ duro per il colosso hollywoodiano. Le mail sono state messe online insieme a una minaccia: quella di mettere in atto un attacco terroristico in stile 11 settembre nei cinema in cui sara’ proiettato il film “The Interview”. Proprio la commedia in cui si finge l’uccisione del leader nordcoreano Kim Jong-Un con James Franco e’ uno dei principali obiettivi dei pirati. Secondo molti media americani gli hacker sarebbero infatti di Pyongyang, anche se il Paese ha sempre negato qualsiasi coinvolgimento. Le email, che vanno indietro nel tempo fino al 2013, includono discussioni tra Lynton e altri manager di Sony; altre fanno riferimento all’applicazione Snapchat, visto che Lynton fa parte del board. La polizia di New York sta tenendo sotto stretto controlla la minaccia, visto che la premiere del film si svolgera’ giovedi’ sera nella metropoli americana. (Askanews, 17 dicembre 2014).

David McIntosh, vice presidente soluzioni 4k di Sony Digital Cinema America e Europa