Caio, ad di Poste Italiane: “Puntiamo a un fatturato di 30 miliardi, faremo 8mila assunzioni”

(ANSA) Nel piano strategico di Poste 2015-2020 “c’è aria di investimenti e di crescita: puntiamo a un fatturato di 30 miliardi, e a una redditività che torni a crescere nel quinquennio. Faremo 8mila assunzioni, per la metà di professionalità necessarie a compiere la nostra evoluzione digitale. E si conferma la politica di gestione agevolata delle uscite, un processo fisiologico per un’azienda grande come Poste”. Lo afferma alla Stampa l’amministratore delegato di Poste, Francesco Caio. “Un’azienda – spiega Caio – vive e cresce solo se serve le esigenze del cliente di valore. Oggi tutti noi, se vogliamo ricevere con urgenza un pacco, siamo disposti a pagare di più. Se si valorizza un buon servizio, di qualità impeccabile, si è pronti a pagare un prezzo maggiore”. Sul fatto che per le lettere ci sarà un aumento delle tariffe forse fino a 3 euro per una lettera consegnata in un giorno, contro i 60 centesimi di oggi, Caio replica: “Dipenderà da come il Parlamento definirà il nuovo servizio universale, dal negoziato con il Mise, e dalle indicazioni dell’Agcom. L’orientamento è comunque è quello: pagare di meno una posta più lenta, di più una posta veloce. Sta accadendo anche nelle Poste di tutti i paesi: ovunque si fanno i conti con un declino della corrispondenza e una forte crescita dei pacchi, legata al boom del commercio elettronico”. (ANSA, 17 dicembre 2014)

Francesco Caio (foto Olycom)

Francesco Caio (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Casalino ‘chiude’ il Foglio ed esplode la polemica. Cerasa ironico lancia campagna abbonamenti (codice promo ROCCO)

Svelato il nuovo manifesto del Gp d’Italia di Formula1. Sticchi Damiani (Aci): fusione tra tradizione e innovazione

Il Foglio risponde a Casalino con un abbonamento “anticasta”. Sconti del 20% per chi inserisce il codice ROCCO