Radio

13 gennaio 2015 | 14:41

Rai Radio3 dedica una giornata di riflessione e discussione sui temi profondi sollevati dalla strage di Parigi

(Agi) A una settimana dal primo attentato a Parigi, mercoledi’ 14 gennaio, a Radio3 una giornata interamente dedicata a ricordare, capire, comunicare. La conoscenza, il pensiero, la musica contro l’orrore. Una giornata intera con edizioni speciali del GR3 e una serie di trasmissioni in cui Radio3 proporra’ le voci di studiosi, artisti e intellettuali sulle questioni profonde sollevate dai fatti di Parigi.

Cosa ci resta, oltre alle sensazioni di orrore per il sangue sparso e di solidarieta’ con le persone e la citta’ vittima delle aggressioni? Qualche certezza e una serie di domande. La complessita’ di un mondo in cui si intrecciano crisi di tipo diverso richiede infatti idee nuove, pensieri liberi, coraggio intellettuale e morale. Ma come difendere e comunicare meglio i valori di civilta’ sotto attacco? Come evitare di annacquarli per paura o di usarli come un’arma di esclusione? Fin dove puo’ arrivare la critica e la liberta’ di espressione quando feriscono sensibilita’ e idee diverse dalla nostra? Sono solo alcune delle questioni che hanno affollato in questi giorni i fili diretti con gli ascoltatori come anche le accese discussioni sui social network.

Radio3 per tutta la giornata offrira’ spazi per confrontare risposte diverse a queste fondamentali domande con un hashtag che sintetizza la nostra profonda convinzione che il migliore alleato della violenza e’ l’ignoranza, il piu’ grande contributo alla convivenza e’ la conoscenza #piu’culturamenopaura.

Questi alcuni dei contenuti delle singole trasmissioni: Il percorso musicale della giornata sara’ composto da brani oggetto di censura o di altre forme di rifiuto.
ore 6.00 – Qui comincia, la storia di Charlie Hebdo, la questione della satira in Francia e nel mondo.
ore 9.00 – Pagina 3, come il web ha rappresentato in questi giorni il luogo di dibattito, di confronto e di scontro.
ore 9.30 – Primo movimento, un omaggio musicale alla Francia.
ore 10.00 – Tutta la citta’ ne parla, come conciliare convivenza e sicurezza, la liberta’ di movimento e la lotta al terrorismo.
ore 11.00 – Radio3 Mondo, chi finanzia i terroristi in Europa e in Africa? ore 11.30 – Radio3 Scienza, il web nascosto e la scia elettronica del terrorismo.
ore 15.00 – Fahrenheit, la questione dei valori, la loro difesa, la loro contestazione. Il vocabolario del terrore e della resistenza: le parole vecchie e nuove di questa settimana. L’islam e le donne. L’istruzione come arma contro i fondamentalismi.
ore 21.00 – Radio3 Suite, la storia e il racconto delle ragioni che hanno portato nel corso dei secoli alla censura di brani e intere opere musicali. (AGI, 13 Gennaio 2015)

Charlie Hebdo's publisher, Charb, in front of the magazine's offices which were destroyed by a petrol bomb attack in 2011 (foto Telegraph)

Charlie Hebdo’s publisher, Charb, in front of the magazine’s offices which were destroyed by a petrol bomb attack in 2011 (foto Telegraph)