Il presidente della Rai, Tarantola: segnali di rallentamento della discesa della pubblicità e speriamo di una stabilizzazione

(ANSA)  “La pubblicità risente molto dell’andamento dell’economia generale e negli ultimi 3 o 4 anni c’è stata una decrescita importantissima. Vediamo che adesso sembrerebbero emergere dei segnali di rallentamento della discesa e forse speriamo di una stabilizzazione”. Lo ha detto il presidente della Rai Anna Maria Tarantola a margine del convegno ‘L’offerta del servizio pubblico’. “La Rai come tutte le aziende ha ricavi e costi. Sul fronte dei costi è un problema nostro e su questo da due anni e mezzo stiamo fortemente lavorando e abbiamo risparmiato non poco. Circa 80 milioni all’anno, il 5% del totale del nostro bilancio – ha proseguito -. Se i ricavi si riducono drasticamente, molto più di quanto noi possiamo ridurre i costi, il problema si può determinare. Per il momento siamo abbastanza confidenti perché le azioni che abbiamo attivato sono nel senso di portare l’azienda in equilibrio”. Tarantola si è limitata a rispondere “speriamo di no” alla domanda se gli annunci del governo sulla riforma del canone possano avere ricadute negative sulla raccolta del 2015. Quanto al ricorso contro il taglio di 150 milioni di euro decisi dal governo, il presidente Rai ha affermato: “Mi riservo perché non abbiamo ancora predisposto le carte”. (ANSA).

Anna Maria Tarantola e Luigi Gubitosi (foto Olycom)

Anna Maria Tarantola e Luigi Gubitosi (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi