Comunicazione, TLC

21 gennaio 2015 | 12:30

Telecom Italia Sparkle attira compratore cinese nella sua ragnatela di cavi

(Mf-Dj) Dopo l’acquisizione del 35% di Cdp Reti, i cinesi puntano a Telecom Italia Sparkle: la società, che ha in portafoglio una ragnatela di cavi lunga 450 chilometri tra Europa, America Latina e Mediterraneo, ha attirato l’attenzione di un fondo di investimento cinese tra i più liquidi del Paese.

La notizia del potenziale compratore cinese, scrive Repubblica, ha creato scompiglio dentro Telecom Italia, che controlla Sparkle. Dentro Telecom ci sono due scuole di pensiero: i top manager più vicini al presidente Giuseppe Recchi chiedono che la porta sia aperta agli investitori cinesi, i cui soldi servirebbero a ridimensionare l’indebitamento del gruppo, mentre si mostrano molto prudenti i manager prossimi all’a.d., Marco Patuano, frenati da ragioni di opportunità politica.

Telecom Italia, spiega il quotidiano, non potrebbe trattare quote rilevanti di Sparkle senza il via libera del ministro dell’Economia Padoan e del premier Renzi. D’altra parte, i rapporti tra Telecom e il Governo sono già abbastanza tesi sul tema della banda ultra larga, su cui oggi è previsto un nuovo vertice a palazzo Chigi. Un manager di punta, sentito da Repubblica, conferma che non c’è fretta di esaminare il dossier cinese, per il cui avanzamento servirà anche un confronto diretto tra Patuano e Recchi. (Mf-Dj, 21 gennaio 2015)

Giuseppe Recchi

Giuseppe Recchi