21 gennaio 2015 | 16:48

L’ufficio perfetto secondo Copernico, il nuovo innovation hub milanese

Qual è l’ufficio perfetto, dove si lavora bene e si produce di più? Non c’è una soluzione univoca, ma ci sono tanti accorgimenti utili per migliorare l’ambiente di lavoro, rendendolo più confortevole e produttivo. Gli ideatori di Copernico, l’innovation hub che apre le porte a fine gennaio nell’omonima via milanese nei pressi della Stazione Centrale, hanno pubblicato un e-book che raccoglie consigli e dritte per aiutare a trovare le soluzioni giuste. L’e-book, intitolato Creare valore in una nuova dimensione (sottotitolo: Come lo spazio di lavoro influenza la produttività) si può scaricare gratuitamente dal sito di Copernico.

Pietro Martani fondatore di Halldis, la società che ha creato l’innovation hub Copernico.

È una mini guida, basata su ricerche scientifiche internazionali, che illustra come le performance lavorative sono facilitate e migliorate dalla collaborazione tra dipendenti. Non si tratta però solo di facilitare la comunicazione ma anche di offrire privacy, concentrazione, nonché spazi per il confronto e ambienti dove alimentare la creatività. Il tutto condito da comfort e benessere per le persone.
Gli esempi virtuosi non mancano. Google e Facebook hanno investito nelle riconfigurazione degli spazi lavorativi e nel ‘lavorare divertendosi’. HomeAway ha costruito nel quartier generale di Austin, ha costruito un tetto in miniatura con un’amaca per rilassarsi e lavorare; HubSpot mette a disposizione dei dipendenti un frigorifero pieno di birra e snack, come anche un calcetto; Oracle sostiene che le idee migliori si sviluppino sul campo da gioco ed ha costruito un campo da basket e uno da pallavolo, mentre Ogilvy & Mather ha una palestra all’avanguardia.

Il render di uno degli ambienti di Copernico, il nuovo centro milanese di coworking che apre a fine gennaio: 15mila metri quadrati con uffici flessibili, lounge club, sale meeting, cinema, bar, palestra, eccetera.