22 gennaio 2015 | 18:19

A Venezia torna il Seminario di perfezionamento per librai della Fondazione Mauri

Trentaduesima edizione dal 27 al 30 gennaio 2015 alla Fondazione Giorgio Cini di Venezia del Seminario di perfezionamento della Scuola per Librai Umberto e Elisabetta Mauri. In chiusura, venerdì 30, la tavola rotonda “Di chi è il futuro?” moderata da Stefano Mauri e Giovanna Zucconi, l’intervento di Michele Serra e un ricordo di Luciano Mauri a dieci anno dalla scomparsa. Il seminario, organizzato dalla Fondazione Umberto e Elisabetta Mauri in collaborazione con Messaggerie Libri e Messaggerie Italiane, l’Associazione Librai Italiani, l’Associazione Italiana Editori e il Centro per il Libro e la lettura, appuntamento dell’editoria internazionale, tratta e approfondisce i diversi temi e le problematiche del mondo del libro, delle librerie e del mercato editoriale, con uno sguardo sempre attento e aggiornato sulle nuove proposte, sugli sviluppi di un settore in continua evoluzione.

Dopo la giornata inaugurale, il 27 gennaio, che prevede un intervento di Jhumpa Lahiri, il Seminario proseguirà mercoledì 28 gennaio con una serie di contributi che avranno come tema “L’eccellenza come fattore di sviluppo”.

Il programma
Mercoledì 28 gennaio Gian Luca Marzocchi (Università di Bologna) parlerà del Costruire l’eccellenza come talento o pratica consapevole,Michela Addis (Università degli Studi di Roma Tre) affronterà il tema di L’eccellenza in libreria nella prospettiva dei consumatori, Karin Zaghi (Università Bocconi) parlerà del Visual Merchandising, fattore di successo della libreria; James Daunt (Waterstones UK) tratterà della Strategia di una catena e di un libraio indipendente, Pier Luigi Celli (Poste Italiane Spa) del Personale come network sociale narrante; Giuseppe Strazzeri (Longanesi) delle Tendenze della narrativa;Massimo Turchetta (RCS) della Tenace passione per l’eternità, Vittorino Andreoli dell’Effetto libreria: emozioni e sentimenti che entrano ed emozioni e sentimenti che escono; Silvia Avallone di Nessun incontro è un caso: la libreria, frontiera di scoperte.

Giovedì 29 gennaio il tema sarà l’”Innovazione in libreria” con interventi di: Vincenzo Russi (Messaggerie Italiane) - Editoria digitale/ Tolino nelle librerie indipendenti, Klaus Renkl e Maura Zaccheroni (Deutsche Telekom AG) - Alleanza con Deutsche Telekom e lancio di Tolino in Italia, Luca Domeniconi (IBS.it bookshop) - Integrazione fisico digitale: Tolino nelle librerie, Francesco Trabucco (Politecnico di Milano) - Progetto Politecnico di Milano sulle librerie del futuro, Moreno Pirovano (Zampediverse srl) - Il valore dei social network, Giulio Saltarelli (Libreria all’Arco) - La libreria e il WEB 2.0: un’alleanza vincente, Roberto Gulli (Pearson Italia) - La scolastica in Italia, Miguel Sal - L’innovazione nelle librerie del mondo, Oscar Farinetti (Eataly) - La costruzione di un progetto: obiettivi poetici, cammino matematico!
Chiuderà la giornata del seminario un intervento di Filippo Timi.

Venerdì 30 gennaio concluderà il Seminario il tradizionale appuntamento con la giornata conclusiva che avrà come titolo “Di chi è il futuro?”
Gli interventi di Angelo Tantazzi (Prometeia) e Antonio Prudenzano (illibraio.it) su Come cambia il mercato, e Jonathan Galassi, Farrar, Straus & Giroux US sugli Editori di ieri e gli editori di domani, saranno seguiti dalla tavola rotonda “Di chi è il futuro?”, moderata da Stefano Mauri e Giovanna Zucconi, a cui parteciperanno: Jesus Badenes (Planeta, ES), Eva Bonnier (Bonnier, SE), Jürgen Boos (Fiera del libro di Francoforte, D), James Daunt (Waterstones, UK), Denis Mollat(Librairie Mollat, F), Antonio Sellerio (Sellerio Editore, I).

Nel pomeriggio, dopo un ricordo di Luciano Mauri nel decennale della scomparsa a cura di Lorenzo Mauri e Achille Mauri, e la consegna del Premio per Librai Luciano e Silvana Mauri, giunto alla sua nona edizione, i lavori del corso seminariale 2015 si concluderanno con l’intervento “Istruzioni per un futuro radioso” di Michele Serra; la chiusura del Seminario sarà affidata al presidente della Scuola Achille Mauri.