Secondo l’infografica di Modomodo italiani sempre più alla ricerca di sconti e promozioni con le app di brand

Tra le varie motivazioni che spingono gli utenti a scaricare un app di brand sul proprio device (un marchio di abbigliamento o di scarpe, una catena di negozi di elettronica di consumo, la propria utility di riferimento sono solo alcuni esempi) spiccano le “funzionalità da negozio”, ovvero tutte quelle funzionalità legate agli acquisti o all’interazione con il punto vendita: per esempio, il 61.4% degli italiani ritiene che sia molto utile poter utilizzare la propria carta fedeltà direttamente dal proprio smartphone al momento dell’acquisto, per poter usufruire di offerte esclusive pensate per i “fan” del brand.

Come riporta il comunicato stampa, il 32.5% ritiene che sia abbastanza utile, il 4.6% degli intervistati ritiene invece che sia poco utile e solo l’1.5% pensa che sia una funzionalità del tutto inutile.
Gli utenti inoltre scaricano sul proprio device le app di brand per ottenere sconti e promozioni riservati, in modo tale da poter risparmiare sui propri acquisti: il 43.3% degli italiani ritiene che sia molto utile utilizzare un app per ricercare offerte esclusive mentre il 45.5% pensa che sia abbastanza utile; molto basse le percentuali di chi ritiene che questo sia poco utile (9.7%) e inutile (solo l’1.7%).
Particolarmente apprezzata dagli utenti anche la possibilità di accedere tramite l’app ad un’area personale in cui trovare il riepilogo delle proprie azioni come per esempio, gli acquisti effettuati o la selezione dei capi preferiti (inseriti magari in una Wishlist personale): il 56.1% degli intervistati ritiene che questa funzionalità sia molto utile, il 34.2% che è abbastanza utile mentre il 7.3% crede che sia poco utile e solo il 2.4% che sia inutile.

Interessante rilevare che le app di brand vengono scaricate e utilizzate principalmente dai ragazzi fino ai 19 anni (35,3%), seguono i giovani di età compresa tra i 25 e i 34 anni (25,9%) e gli utenti di età compresa tra i 35 e i 44 anni (16,7%), mentre ben il 50 % degli adulti intervistati, di età superiore ai 65 anni, non scarica mai app di servizio.

Questi sono i dati illustrati nell’infografica realizzata da modomodo con i dati più significativi emersi dalla ricerca realizzata in collaborazione con l’Università degli Studi Milano Bicocca sull’utilizzo del Mobile Internet e dei dispositivi mobili.  L’indagine è stata svolta da NuMediaBios l’Osservatorio dei Nuovi Media dell’Università Bicocca (http://www.numediabios.eu/) ed è stata condotta tramite la somministrazione di un questionario a un campione di 3.928 utenti composto in parte da utilizzatori di “app di servizio”, ovvero quelle legate ai brand, e da una percentuale di studenti del polo universitario.

Fabio Maglioni, founder di modomodo, afferma: “L’indagine che abbiamo realizzato in collaborazione con l’Osservatorio dei Nuovi Media dell’Università Bicocca conferma l’importanza delle app nella relazione tra il brand e i consumatori. Se utilizzato in modo strategico, il mobile permette infatti alle aziende di creare un’interazione di valore con i propri consumatori e di rafforzare l’engagement nei confronti del brand stesso. Un’interazione che i consumatori apprezzano e ricompensano, lo abbiamo rilevato nella nostra indagine e nei riscontri quotidiani che riceviamo da parte dei brand che hanno deciso di utilizzare la nostra piattaforma applicativa per lo sviluppo della loro mobile strategy.”

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Parmigiano Reggiano investe 20 milioni in comunicazione

Il 28 aprile a Venezia c’è ‘Il FoglioTech Festival’

Wired Next Fest 2018, a tema la contaminazione