02 febbraio 2015 | 12:26

Amazon dà il via al primo concorso di scrittura pensato per il Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia

Amazon presenta oggi la prima scholarship del Festival Internazionale del Giornalismo, un concorso di scrittura dedicato a studenti universitari e post universitari. Gli studenti provenienti da tutta Europa, di età compresa tra i 18 e i 25 anni, sono invitati a rispondere alla domanda “Qual è il futuro del giornalismo?” attraverso un saggio di  massimo 2000 parole.

Come riporta il comunicato stampa, i cinque saggi vincitori verranno pubblicati su La Stampa, El Pais e Dwdl.de durante la settimana del Festival e  Amazon  sosterrà i costi di trasporto e alloggio per assistere al Festival di Perugia (15-19 Aprile).
Oltre a ciò, una selezione dei saggi migliori sarà raccolta in un libro pubblicato su Kindle Store tramite Kindle Direct Publishing. I proventi derivanti dalla vendita del libro saranno devoluti interamente al Festival Internazionale del Giornalismo.
Il concorso inizia oggi e il termine ultimo per la presentazione dei saggi è il 28 Febbraio 2015. I saggi saranno valutati sulla base dell’attinenza al tema, dell’originalità, dello stile di scrittura, delle idee innovative e dell’abilità nel coinvolgere i lettori.

Jeff Bezos, ceo di Amazon (foto Olycom)

Jeff Bezos, ceo di Amazon (foto Olycom)

“Il futuro del giornalismo riguarda tutti, perché una buona informazione è essenziale per la democrazia e le scelte personali di ogni giorno” afferma Mario Calabresi, Direttore de La Stampa. “La Stampa da sempre ha a cuore giornalismo di qualità e innovazione, per questo siamo lieti di promuovere con Amazon e con le altre testate europee un concorso di scrittura che ci porterà alla scoperta di idee nuove e creative per immaginare il giornalismo di domani. E non c’è palcoscenico migliore del Festival Internazionale del Giornalismo per presentare al mondo i lavori dei vincitori”.

“Amazon sarà ancora una volta il principale sponsor del Festival Internazionale del Giornalismo. Amazon fornisce l’esempio di cosa voglia dire mettere i lettori al primo posto e ideare nuove soluzioni per loro. Questo è esattamente ciò che cerchiamo di proporre e favorire in questi cinque giorni di stimolante discussione al festival”, ha detto Arianna Ciccone, co-fondatrice del Ijf con Christopher Potter nel 2006. “Siamo felici del fatto che Amazon quest’anno abbia deciso di introdurre una novità: l’opportunità offerta a cinque studenti di vincere una scholarship che permetterà loro di assistere al Festival per la sua intera durata”

“Il Festival Internazionale del Giornalismo è un evento importante per concepire nuovi modi in cui noi, come lettori, consumeremo, in futuro, notizie, analisi e opinioni” ha dichiarato Diego Piacentini, Senior Vice President, Amazon. “Siamo felici di sostenere il Festival e di lavorare con La Stampa per permettere a studenti da tutta Europa di contribuire al dibattito, di condividere le proprie idee sul futuro del giornalismo e di diventare, forse, la prossima generazione di penne autorevoli.”

Gli studenti possono inviare il loro elaborato attraverso la pagina dedicata al concorso di scrittura, all’indirizzo: www.amazon.it/ijf-scholarship. Il termine ultimo per la presentazione dei saggi è il 28 febbraio 2015.  I vincitori saranno annunciati a marzo.  Maggiori informazioni e il regolamento completo, sono disponibili all’indirizzo  http://www.amazon.it/ijf-scholarship.

Inoltre, il Festival internazionale del Giornalismo (Ijf) ha annunciato oggi che Amazon sarà nuovamente sponsor principale del Festival. La nona edizione del Festival, il grande evento dedicato ai media in Europa, con decine di sessioni quotidiane e centinaia di relatori, si tiene dal 15 al 19 aprile a Perugia. Amazon e Ijf condividono l’idea che il lettore venga prima di tutto e vogliono aiutare i creatori di contenuti, tra cui giornalisti e autori, a raggiungere, con canali nuovi e diversi, più lettori.

Grazie al supporto di Amazon, il Festival rafforzerà il suo ruolo di laboratorio di idee. In una full-immersion di 5 giorni,i giornalisti potranno scambiare opinioni con i lettori e altri giornalisti, sulle implicazioni dei profondi cambiamenti che stanno toccando il mondo della conoscenza e delle notizie (libri, giornali) trasformate da un giorno all’altro da formato fisso a flusso libero: un mondo nuovo che apre possibilità apparentemente illimitate.