Il presidente Rai Tarantola: grande il contributo delle donne nella società. La tv pubblica determinata a valorizzarne il ruolo

(askanews) La presidente della Rai Anna Maria Tarantola è intervenuta ad una conferenza stampa di presentazione della assemblea plenaria del pontificio consiglio per la Cultura dedicata alle “culture femminili” (4-7 febbraio), sottolineando “il contributo che possono dare le donne nella società e nella chiesa grazie a loro specificità e competenze”.

“Ci sono studi molto belli in campo economico – ha detto Tarantola – che mostrano che le donne hanno alcune caratteristiche, empatia, maggiore avversione a rischio, capacità di lavorare insieme con gli altri, il coinvolgimento, che sono caratteristiche molto apprezzate dalle stesse imprese perché più atte ad affrontare la crisi che ci attanaglia da tanto tempo”.

Tarantola ha poi riferito della determinazione dei vertici Rai a valorizzare il ruolo delle donne nella televisione pubblica, sottolineando che “le contrapposizioni e i contrasti ci sono eccome”, che si tratta di un “cammino non facile, magari qualche volta con qualche passo indietro, ma un cammino che abbiamo avviato”. Quattro, in particolare, i temi: “aumentare il numero di donne in video”, “il corpo delle donne: come si rappresenta la donna, sapendo che non è la bellezza femminile l’elemento fondamentale per avere successo ma le sue capacità”, “lavorare sui linguaggi e la narrazione: è importante avere fiction che rappresentano donne vere, concrete, con i loro priblemi e le loro capacità” e, infine, la presenza delle donne “in tutti i generi da informazione a intrattenimento all’educazione”. Inoltre, ha detto Tarantola “abbiamo anche adottato una policy di genere interna”. (askanews, 2 febbraio 2015)

Anna Maria Tarantola (foto Olycom)

Anna Maria Tarantola (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi