Discovery Italia entra in Pubblicità Progresso. Araimo: rafforziamo il nostro impegno su tematiche sociali

Fondazione Pubblicità Progresso allarga il numero dei propri soci con l’ingresso di Discovery Italia. “Siamo convinti che il dinamismo mostrato da quello che è diventato il terzo polo televisivo italiano si rivelerà positivo anche per la comunicazione sociale”, ha dichiara Alberto Contri, presidente di Pubblicità Progresso, sottolineando come non sia irrilevante che un’impresa gestita e animata quasi completamente da donne entri in Pubblicità Progresso in tempo per sostenere ‘Puntosudite’, la campagna crossmediale per la parità di genere.
“Siamo onorati di entrare a far parte di Pubblicità Progresso”, ha dichiarato Alessandro Araimo, chief operating officer Discovery Southern Europe, “Il nostro ingresso in uno dei soggetti maggiormente attivi nel sociale, rappresenta un’occasione per rafforzare il nostro impegno nel dare visibilità a tematiche utili a sensibilizzare l’opinione pubblica”.
Oltre a Discovery Italia, sono soci della fondazione: Aapi, Assirm, Assocom, Fieg, Iap, Publitalia ’80, Rai, Unicom, Upa, Sky Italia, San Marino RTV, Google Italia, Facebook.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Panico tra gli utenti Netflix: arriva la pubblicità? L’azienda: no, sono “promotionals” (e si possono skippare)

Esposto Codacons all’Antitrust su Sky e Dazn: pratiche commerciali scorrette e pubblicità ingannevole

L’Ue verso sanzioni più severe contro piattaforme web che non rimuovono subito contenuti di propaganda estremista