Mercato

04 febbraio 2015 | 17:23

La concessionaria pubblicitaria Ame ed askanews insieme verso il branded content

L’agenzia di stampa askanews, nata dalla fusione tra Asca e Tmnews, che con una forte vocazione internazionale e digitale fornisce informazioni multimediali in modo completo e tempestivo, e Ame, concessionaria pubblicitaria dell’agenzia e di importanti prodotti editoriali come Internazionale e La Civiltà Cattolica, annunciano una collaborazione per creare nuove possibilità all’interno della pubblicità digitale.

Come riporta il comunicato stampa, nel campo del web advertising in cui si destreggiano, con diverse tecniche, i digital marketer e le aziende, askanews ed Ame hanno deciso di giocare la carta del branded content. Un passo importante ed innovativo di strategia comunicativa che mira a legare l’advertising con la narrazione e l’informazione.

Il branded content di askanews ed Ame offrirà nuovi servizi nella sperimentazione di tecniche che, con una marcia non convenzionale, saranno in grado di attrarre più lettori, amplificare il traffico ed aumentare il fatturato ed i ricavi pubblicitari del brand.

Lo scopo condiviso di Ame ed askanews è creare valore aggiunto ai visitatori grazie alla fusione tra advertising e entertainment: attrarre, acquisire e fidelizzare i clienti del brand cosicché gli stessi ne diventino promoter spontanei tramite interazioni e visualizzazioni sul web.

L’adozione della linea di branded content da parte di Ame e askanews è nata in risposta all’esigenza dell’utente. L’obiettivo per l’agenzia stampa e la sua concessionaria pubblicitaria sarà quindi di istaurare relazioni durature con gli utenti creando contenuti  accattivanti in grado di generare partecipazione e dialogo.

“Il Branded Content è una modalità ancora poco conosciuta nel nostro Paese che all’estero inizia a produrre fatturati davvero interessanti” spiega Marco Di Marco, responsabile commerciale di Ame. “Nella collaborazione con Dario Martelli, responsabile marketing di Askanews, sono certo svilupperemo in modo efficace questo concept. D’altronde, entrambi crediamo fermamente nelle parole di Franco Angeli: “The content is the king. Soprattutto se è branded”.