News Corp: gli utili calano del 5% nel secondo trimestre. I ricavi dei quotidiani giù del 6%

(askanews) Nel secondo trimestre fiscale News Corp ha messo a segno un incremento dell’1,9% nei ricavi, ma utili netti in calo del 5% rispetto allo stesso periodo del 2013.
Questo nonostante il buon andamento della sua divisione libri e del business nel real estate.
Per quanto riguarda i ricavi, il gruppo di Rupert Murdoch è passato a 2,28 miliardi dai 2,24 miliardi del 2013 (+1,9%), battendo le attese del mercato che si attendevano 2,25 miliardi di dollari. Sul piano degli utili, il gruppo media di Rupert Murdoch ha registrato profitti per 328 milioni contro i 327 dello stesso periodo del 2013. Al netto di voci straordinarie ha messo a segno utili per 142 milioni di dollari dai 150 milioni dello stesso periodo del 2013. Gli utili per azione sono stati di 24 centesimi contro i 26 del 2013, in linea con quanto previsto dal mercato.

Nella divisione di editoria giornalistica, che rappresenta i due terzi della società, i ricavi dei quotidiani di cui è proprietario (tra cui il Wall Street Journal e il New York Post) sono scesi del 6% a 1,52 miliardi, a causa di una flessione della pubblicità sui giornali britannici, australiani e Usa. I ricavi direttamente collegati alla pubblicità sono scesi del 9% nel corso del trimestre. I profitti netti della divisione hanno subito una discesa del 15%.

In Borsa le azioni di classe A di News Corp hanno chiuso la seduta in aumento dello 0,9% a 15,73 dollari. Dopo la pubblicazione dei conti, arrivati a mercati chiusi, il titolo è rimasto invariato. (askanews, 5 febbraio 2015)

Rupert Murdoch (TheGuardian.com)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi