La ricerca Ipsos per Save the Children: l’89% dei minori sempre è connesso (DOCUMENTO)

Minori e internet: “on-line” e “disconnessi”. Ecco i due volti dei nativi digitali che emergono dalla ricerca Ipsos per Save the Children e dall’elaborazione dei dati Istat sui minori. Da un lato i giovanissimi quasi sempre connessi, soprattutto da smartphone, che si danno appuntamento con persone conosciute solo sul web o su gruppi di WhatsApp e App simili. Dall’altro i “disconnessi”: 452mila adolescenti residenti in Italia che non hanno mai avuto accesso ad Internet (11,5%), che nella maggior parte dei casi provengono da famiglie che dichiarano di vivere in condizioni economiche ‘assolutamente insufficienti’ o con ‘risorse scarse’ (14,2%).
“I nuovi media rappresentano una grande opportunità per i nostri ragazzi, per la loro crescita personale e formativa. L’accesso a queste tecnologie è un diritto che dovrebbe essere garantito a tutti i ragazzi, così come un’adeguata formazione nell’utilizzo di questi strumenti e la sicurezza di potersi muovere in un ambiente digitale che non nasconda rischi o pericoli” dichiara Valerio Neri, direttore generale di Save the Children Italia, commentando i dati della ricerca.
“L’accesso ad Internet e alle tecnologie digitali dovrebbe essere un diritto per tutti i ragazzi, al pari dell’istruzione”, continua Raffaela Milano, direttore programmi Italia-Europa di Save the Children. “Questi dati ci fanno scoprire che il “digital divide” non è un problema che riguarda solo gli adulti e gli anziani, ma investe anche la “generazione 2.0”. Sono dati allarmanti, perché sono un segnale di un vero e proprio “nuovo analfabetismo”. Oggi un ragazzo che non si è mai connesso ad Internet è di fatto un ragazzo disconnesso non solo dalla Rete, ma anche dalla realtà che lo circonda e difficilmente potrà recuperare negli anni questo divario educativo che si è creato durante l’adolescenza”.

 Leggi o scarica la ricerca integrale di Save the Children: ‘I nativi digitali conoscono veramente il loro ambiente?’ (.pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Nel 2019 almeno 250 giornalisti in carcere per la loro professione. Cpj: crescono accuse per ‘fake news’

Nel 2019 almeno 250 giornalisti in carcere per la loro professione. Cpj: crescono accuse per ‘fake news’

Fastweb presenta Nexxt, il nuovo headquarter a Milano. Sala: nel segno dell’innovazione urbana. Calcagno: noi partner industriale Sky

Fastweb presenta Nexxt, il nuovo headquarter a Milano. Sala: nel segno dell’innovazione urbana. Calcagno: noi partner industriale Sky

Classifica media italiani più attivi sui social e post con più interazioni. Novembre: Sky Sport sempre in testa, bene GreenMe e SpazioJ, cala il Fatto

Classifica media italiani più attivi sui social e post con più interazioni. Novembre: Sky Sport sempre in testa, bene GreenMe e SpazioJ, cala il Fatto