Mauro Broggi lascia Periodici San Paolo

Mauro Broggi, direttore relazioni esterne e pubblicità della Periodici San Paolo, lascia l’azienda per nuovi progetti imprenditoriali. “D’accordo con l’editore ho deciso di lasciare l’azienda per dedicarmi a progetti di comunicazione rivolti alle persone e alle community”, spiega Broggi.

Mauro Broggi

Entrato in San Paolo nel 1993 proveniente da Olivetti, Broggi ha gestito come capo ufficio stampa tutte le vicende dell’editore e del suo prodotto di punta, Famiglia Cristiana: dalle tensioni tra la testata allora diretta da don Leonardo Zega e una parte del mondo cattolico al rilancio del settimanale con la direzione di don Antonio Sciortino; dai contrasti con esponenti della politica alle “battaglie” civili promosse dalla storica testata: contro la guerra in Iraq, per l’abolizione del reato di clandestinità e, più recentemente, contro il razzismo, attraverso la campagna “Anche le parole possono uccidere” promossa insieme ad Avvenire e Fisc. Broggi ha avviato lo sbarco nel digitale della testata cattolica, oggi stabilmente nella Top Media Brands per engagement su Facebook e Twitter. Dal 2013 gli era stata affidata anche la responsabilità della raccolta pubblicitaria.
Appassionato di comunicazione politica, Broggi ha scritto per La Scuola il libro intervista a Nando Pagnoncelli “Le opinioni degli italiani non sono un’opinione” che ha vinto il Premio Capri 2009 nella sezione saggistica.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rcs, Cairo: ragioniamo su lancio di un settimanale finanziario. L’arbitrato con Blackstone atto dovuto

Google: multa Ue da 1,4 miliardi per abuso di posizione dominante con AdSense. Vestager: impedita concorrenza su adv dei motori ricerca

Editoria, accordo Sole 24 Ore e il quotidiano cinese Economic Daily. In futuro possibili partnership per attività ed eventi su temi economici