Il presidente dell’Osservatorio sui diritti dei minori denuncia violazioni nei casi di Siani e dello scontro Giletti-Capanna

(Italpress) – “Il caso Siani, che a Sanremo per qualsivoglia motivo, spontaneo o artatamente costruito, irride ad un bambino in sovrappeso, si inserisce in un contesto di degrado, rispetto alle norme vigenti in materia di Tv e Minori, che su Rai 1 galoppa a tutto spiano da tempo.

Antonio Marziale, Presidente dell’Osservatorio sui Diritti dei Minori (foto Osservatoriominori.org)

Il tutto a pochi giorni da quando Massimo Giletti sbatte per terra un libro, a prescindere dall’autore, e nel momento in cui iniziative istituzionali e sociali spronano i giovani alla lettura, il gesto diventa anacronistico e in antitesi finanche al Contratto di Servizio che permette alla Tv di Stato di accedere al canone. Per non parlare del pomeriggio quotidiano sulla rete ammiraglia, contro il quale le segnalazioni di violazione sono incontenibili. Queste trasgressioni valgono la rescissione del Contratto di Servizio e la restituzione dei soldi agli utenti”. E’ la dichiarazione del sociologo Antonio Marziale, presidente dell’Osservatorio sui Diritti dei Minori e membro della Commissione ministeriale per la stesura del Codice Tv e Minori, recepito dalla Legge Gasparri, che si dice: “Pronto ad incontrare il Direttore Generale Luigi Gubitosi o, in alternativa, a chiedere audizione alla Commissione parlamentare di vigilanza sulla Rai, allo scopo di dettagliare gli accadimenti in crescendo, segnalati all’Osservatorio, nel tempo, da genitori piuttosto contrariati”. Marziale, sentito dall’ITALPRESS, fa sapere che la prossima settimana sara’ ascoltato in commissione Vigilanza. (Italpress, 11 febbraio 2015)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi