Google vuole sfida Apple sul mobile payment

(ANSA) – Google punterebbe a sfidare Apple nel campo dei pagamenti via smartphone, settore in cui la Mela sta ottenendo successo in Usa con il sistema Apple Pay. Stando alle indiscrezioni riportate da The Information, Big G starebbe testando, dall’autunno scorso, un nuovo servizio chiamato ‘Plaso’, che si attiverebbe quando l’utente entra in un negozio con un telefono Android in tasca. Alla cassa, per autorizzare la transazione il cliente dovrebbe solo comunicare le proprie iniziali. Stando ai rumors, il terminale di pagamento nei negozi riconoscerebbe gli smartphone che hanno attivato il servizio ‘Plaso’, e al momento dell’acquisto servirebbero solo le iniziali del nome e del cognome per verificare la propria identità. In mancanza di ulteriori dettagli, in rete non manca chi sta esprimendo perplessità riguardo alla sicurezza di questo sistema, con la pronuncia delle iniziali paragonata a un ‘apriti sesamo’ che dà accesso al proprio conto corrente. L’interesse per i pagamenti mobile di Google, che da tempo ha lanciato il poco fortunato servizio ‘Wallet’, era stato confermato il mese scorso dal Wall Street Journal, secondo cui la compagnia vorrebbe acquisire l’azienda Softcard, specializzata nei pagamenti con la tecnologia Nfc (Near Field Communication) che equipaggia anche l’ultimo iPhone. Oltre a Google, anche Samsung potrebbe presto entrare nella partita. Al MWC di Barcellona, i primi giorni di marzo, la casa sudcoreana dovrebbe presentare il Galaxy S6, diretto rivale dell’iPhone 6, dotato del sistema Samsung Pay. (ANSA, 12 febbraio 2015)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci