Editoria, Pubblicità 

16 febbraio 2015 | 18:37

Accordo tra Rcs e Piemme per la raccolta pubblicitaria locale. Alla concessionaria del Gruppo Caltagirone la gestione esclusiva in 5 regioni

(ANSA) – A partire dal primo Marzo 2015, la raccolta pubblicitaria locale su carta e digitale, per Roma, Lazio, Veneto, Friuli, Campania e Calabria delle edizioni locali dei quotidiani RCS sarà gestita in esclusiva da Piemme, concessionaria pubblicitaria del Gruppo Caltagirone Editore.

Raimondo Zanaboni (foto Rcsmediagroup.it)

E’ quanto informa un comunicato secondo cui l’accordo consentirà a Piemme di rafforzare la propria leadership territoriale ampliando l’offerta pubblicitaria per il mercato locale affiancando alle testate del Gruppo (Il Messaggero, Il Mattino, Il Gazzettino, Il Nuovo Quotidiano di Puglia, Il Corriere Adriatico e Leggo) le edizioni stampa e on-line del Corriere della Sera e de La Gazzetta dello Sport. In particolare le testate del Gruppo RCS nelle aree di riferimento dell’accordo rappresentano una audience di circa 963.000 lettori (Audipress 2014 I/II carta e/o replica) e una diffusione di 126.879 copie (ADS 2012). “L’accordo di oggi – ha commentato l’AD di Piemme Franco Cisco – conferma che, in un mercato che sta vivendo una fase di consolidamento, la concessionaria di pubblicità del Gruppo Caltagirone Editore è in grado di fornire una piattaforma commerciale fortemente competitiva, tanto sul piano nazionale quanto e soprattutto su quello locale, sviluppando efficaci progetti di comunicazione tanto sulla stampa che sul web”. “L’accordo siglato con Piemme – ha commentato Raimondo Zanaboni, direttore generale Communication Solutions di RCS MediaGroup – consente alla nostra concessionaria di proseguire il proprio consolidamento sulla raccolta pubblicitaria nazionale stampa e web sia per le testate RCS che per altri primari editori italiani, nonché di confermare la propria leadership, ottimizzando le strutture commerciali sul territorio, pur mantenendo al tempo stesso una presenza diretta a Milano e Bari”.(ANSA, 16 febbraio 2015)