Editoria

20 febbraio 2015 | 18:50

Il ministro Franceschini: preoccupato per il possibile acquisto di Rcs Libri da parte di Mondadori

(ANSA) – “Sono molto preoccupato delle notizie che anticipano un possibile acquisto di Rcs Libri da parte di Mondadori”. A dirlo è il ministro Dario Franceschini. “Ci sono – dice – organi e Autorità che valuteranno in base alle norme tutti i profili dell’operazione.

Ma non c’è settore più delicato e sensibile per la libertà di pensiero e di creazione del mercato dei libri”. Il ministro interviene dopo che ieri Mondadori ha presentato una manifestazione di interesse non vincolante a Rcs per le attività librarie del gruppo di via Rizzoli. “E’ legittimo chiedersi con preoccupazione – aggiunge Franceschini – come funzionerebbero le cose in un paese con un’unica azienda che controlla la metà del mercato, con l’altra metà frammentata in piccole e piccolissime case editrici”.(ANSA, 19 febbraio 2015)

Il Tweet del Ministro Franceschini

Bonaccorsi (Pd), preoccupazione per Mondadori-Rcs

(ANSA) – “È legittima la preoccupazione in seguito alle notizie che emergono su una possibile acquisizione di RCS Libri da parte di Mondadori. Naturalmente gli organi preposti analizzeranno e valuteranno questa iniziativa, ma è evidente che il quadro del mercato dei libri, settore cruciale per la libertà di pensiero e per il paese, che si creerebbe in seguito a tutto ciò sarebbe di un settore spaccato a metà, con un colosso da una parte e tante piccole case editrici dall’altra”. Lo dichiara la deputata e Responsabile Cultura del Partito Democratico, Lorenza Bonaccorsi. (Ansa, 19 febbraio 2015)