Messina (Intesa Sanpaolo): meglio un rimborso dei crediti Rcs piuttosto che una riconversione in azioni

(ANSA) – Il consigliere delegato di Intesa Sanpaolo Carlo Messina da “creditore” di Rcs preferisce che i debiti dell’editore siano restituiti con liquidità piuttosto che con un’ulteriore partecipazione azionaria rispetto all’attuale 4,117%.

E’ quanto ha detto a margine della presentazione del rapporto sull’industria dei distretti in Italia. “Dico solo – spiega – che come banca, avendo crediti molto più importanti rispetto alla piccola partecipazione che deteniamo, siamo interessati a che i crediti vengano salvaguardati”. “Oltreché azionisti – spiega Messina – siamo anche importanti creditori e quindi come creditore preferisco che mi vengano rimborsati i crediti piuttosto che convertiti in azioni”. Alla richiesta di un commento sull’opportunità che il rimborso dei crediti avvenga attraverso la cessione di attività come Rcs Libri, il manager chiarisce di non voler “parlare di operazioni specifiche”. “Non do commenti sulla linea dei manager – aggiunge – perché non voglio commenti su quello che io faccio nella mia banca da parte di altri manager, quindi non mi permetto di commentare quello che avviene in altre società”. (ANSA, 23 febbraio 2015)

Carlo Messina, ad di Intesa Sanpaolo (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rcs, Cairo: ragioniamo su lancio di un settimanale finanziario. L’arbitrato con Blackstone atto dovuto

Google: multa Ue da 1,4 miliardi per abuso di posizione dominante con AdSense. Vestager: impedita concorrenza su adv dei motori ricerca

Editoria, accordo Sole 24 Ore e il quotidiano cinese Economic Daily. In futuro possibili partnership per attività ed eventi su temi economici