Comunicazione, New media

24 febbraio 2015 | 16:55

La tecnologia è ancora un universo lontano: tra gli ostacoli maggiori complessità di utilizzo (21%) e difficoltà di installazione (19%). A dirlo un’indagine di Accenture (DOCUMENTO)

L’indagine di Accenture, intitolata ‘Engaging the Digital Consumers in the New Connected World’, evidenzia come i consumatori riscontrino difficoltà nell’utilizzo dei dispositivi high tech di ultima generazione. La ricerca si basa su un campione di 24mila consumatori tra i 14 e i 55 anni, distribuiti in 24 Paesi, Italia compresa. I  principali ostacoli sono, a livello globale, la complessità di utilizzo (21%), difficoltà di istallazione e discrepanza tra la realtà e quanto pubblicizzato (19%).

I tre fattori che, a prescindere dalla fascia d’età, risultano determinanti nella decisione d’acquisto dei device di ultima generazione risultano essere: per il 33% la “facilità d’uso”, il 22% cita invece l’affidabilità del brand e il 29% le “caratteristiche e funzionalità del prodotto”.

In calo le previsioni di acquisto di dispositivi tecnologici nel prossimo anno, parametri che diminuiscono ulteriormente se proiettati nell’arco dei prossimi cinque anni. Tra le categorie di dispositivi che suscitano interesse all’acquisto nei prossimi cinque compaiono: fitness monitor indossabili e orologi smart (44%), dispositivi indossabili per la salute e stampanti 3D domestiche (43%), sistemi di intrattenimento auto connessi (42%).

Sempre secondo lo studio, la propensione all’acquisto di prodotti high tech più tradizionali risulterebbe in calo, effetti di una penetrazione ormai molto alta nel mercato. Dal 2014 al 2015 infatti la percentuale di consumatori che programmano un acquisto è diminuita in cinque delle 12 categorie di prodotto considerate – comprese quelle dei tablet, laptop e televisori Hd.

Scarica o leggi la ricerca ‘Engaging the Digital Consumers in the New Connected World’ (.pdf)