Jihadisti usano ‘surespot’, una app americana per mandare messaggi criptati e reclutare nuovi seguaci, a cominciare dalle ragazze

(ANSA) – L’Isis utilizza una tecnologia sviluppata dai gruppi di sinistra americani per difendere la privacy e promuovere la legalizzazione della cannabis. Si chiama ‘Surespot’ ed è stata lanciata nel 2013 in Colorado per permettere lo scambio di messaggi in modo del tutto criptato e non intercettabili dalle autorità. Ma i jihadisti la stanno usando per arruolare nuove reclute, in particolare le tante giovani che sono pronte a diventare spose dei miliziani che combattono per lo Stato islamico. Come si legge sul Daily Mail, di solito la radicalizzazione degli aspiranti integralisti inizia su Twitter ma poi serve uno strumento per la comunicazione in tempo reale con cui i reclutatori dell’Isis devono fornire informazioni ai giovani, che ad esempio si mettono in viaggio per raggiungere la Siria. Surespot, creato da due ambientalisti Usa e scaricabile gratuitamente online, insiste sul fatto che il fine dell’applicazione è quello di difendere una ”libertà essenziale” e che non ha responsabilità nel tipo di utilizzo che viene fatto dall’Isis. (ANSA, 24 febbraio 2015)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Facebook, nel 2017 raddoppiata la spesa per lobbying in Ue. Da 1,2 a 2,5 milioni di euro

Nbc entra nel consorzio OpenAp dove raggiunge Fox, Turner e Viacom

Bilancio 2017 in rosso di 100 milioni per l’Inpgi. Macelloni: numeri da emergenza