Matt Brittin, capo della sezione Europa-Medioriente- Africa di Google

Il colosso di Mountain View ha promosso una fusione delle due divisioni regionali europee per reagire al meglio alle sfide poste dall’inasprimento normativo del nostro continente. A rivelarlo una fonte interna della stessa Google riportata dalla agenzia Reuters. 

Questa fusione coinvolgerà le divisioni a capo delle regioni del nord-ovest e del sud-est europeo, con l’aggiunta di Medioriente e Africa. Una ristrutturazione interna resa necessaria da un anno di sconfitte per la lobby di Google, sia sul piano politico che su quello normativo: tra i temi più caldi il pagamento delle tasse nei diversi paesi europei e il crescente pressing del UE per la privacy in rete. Nelle intenzioni di Google questa mossa potrà snellire la strattura organizzativa e decisionale, garantendo una maggiore efficienza commerciale ma soprattutto un dialogo unitario con le autorità.

Matt Brittin, già capo delle divisione northern and western Europe, guiderà la nuova single unit Europa-Medioriente-Africa a partire da febbraio 2015; mentre Carlo d’Asaro Biondo, finora a capo della divisione sud-est Europa, manterrà un ruolo strategico in Google gestendone le partnership in tutto il nostro continente.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Panico tra gli utenti Netflix: arriva la pubblicità? L’azienda: no, sono “promotionals” (e si possono skippare)

Esposto Codacons all’Antitrust su Sky e Dazn: pratiche commerciali scorrette e pubblicità ingannevole

L’Ue verso sanzioni più severe contro piattaforme web che non rimuovono subito contenuti di propaganda estremista