Comunicazione, New media

04 marzo 2015 | 12:16

Bloccato l’accesso al sito della prima associazione atea in Turchia. Le motivazioni: insulto ai valori religiosi e turbativa dell’ordine pubblico

(askanews) La giustizia turca ha bloccato l’accesso al sito internet della prima associazione atea della Turchia in quanto rappresenta un “insulto ai valori religiosi” di una parte del Paese. Lo ha annunciato la stessa associazione Ateizm Dernegi. Nella sua decisione, un tribunale della periferia di Ankara ha stabilito che il sito dell’associazione fondata l’anno scorso a Istanbul è stato impegnato in “attività di natura tale da turbare l’ordine pubblico” in Turchia, ufficialmente musulmana al 99% e guidata da un esecutivo islmico conservatore dal 2002.

In una nota Ateizm Dernegi denuncia un “divieto antidemocratico e illegale che dà un duro colpo alla reputazione del nostro Paese nel mondo”. In un’intervista ai giornali turchi nel 2014, i fondatori avevano spiegato la creazione della loro struttura per “sostenere legalmente le persone minacciate in ragione del oro ateismo”, dopo le dichiarazioni del presidente Recep Tayyip Erdogan che che collegavano l’”ateo” al “terrorista”. (askanews, 5 marzo 2015)

Ateizm Dernegi (T24.com.tr)