Editoria, Radio

06 marzo 2015 | 18:40

Il Cda Rcs dice sì alla trattativa con Mondadori per la Libri e alla cessione del 44,45% di Finelco. Le radio dovrebbero finire in Clessidra di Sposito (DOCUMENTO)

Al termine del Cda straordinario di questa mattina, Rcs MediaGroup ha diramato il seguente comunicato stampa“Milano, 6 marzo 2015 – Il Consiglio di Amministrazione di RCS MediaGroup, riunitosi in data odierna sotto la presidenza di Angelo Provasoli, ha preso atto dello stato di avanzamento delle previste attività di

Pietro Scott Jovane, a sinistra, e Angelo Provasoli (foto Primaonline.it)

Pietro Scott Jovane, a sinistra, e Angelo Provasoli (foto Primaonline.it)

cessione di asset non core, nell’ambito delle quali è stata avviata una negoziazione in via esclusiva con un primario operatore finanziario per la possibile cessione della quota di partecipazione del 44,45% detenuta da RCS MediaGroup in Gruppo Finelco. Con riferimento alla manifestazione di interesse pervenuta da Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. in relazione all’eventuale acquisizione della quota di partecipazione di RCS MediaGroup in RCS Libri S.p.A., il Consiglio ha deliberato a maggioranza di proporre al Gruppo Mondadori la concessione di un periodo di esclusiva sino al 29 maggio 2015, al fine di approfondire termini e condizioni dell’eventuale operazione, riservandosi ogni conseguente valutazione nel merito”.

Secondo quanto riportato sull’Ansa, avrebbero votato contro l’ex presidente del gruppo Piergaetano Marchetti e Attilio Guarneri, il rappresentante delle minoranze indicato dalla famiglia Rotelli.

 - Leggi o scarica il comunicato di Rcs MediaGroup (.doc)

Rcs: trattativa su radio è con Clessidra

(ANSA) Da quanto si è appreso da fonti finanziarie la trattativa di Rcs per la vendita delle radio del gruppo Finelco è stata avviata con il fondo Clessidra di Claudio Sposito. Le tre radio della holding sono nel dettaglio Radio 105, Virgin Radio e Radio Monte Carlo. La maggioranza della società fa capo alla famiglia Hazan. (ANSA, 6 marzo 2015)