Televisione

09 marzo 2015 | 11:30

Sprechi, doppioni e troppi flop. Ecco quanto costano i Tg del servizio pubblico (INFOGRAFICA)

Dal Messaggero di ieri, 8/03/2015:  «Sprechi, doppioni e troppi flop» Il dossier di Gubitosi sulla Rai –  Il fatto risale al settembre dell’anno scorso. Ed è un esempio di come la Rai in tempi di spending review gestiva le sue risorse. Siamo a Napoli. A pag. 9 ROMA Il fatto risale al settembre dell’anno scorso. Ed è un esempio di come la Rai in tempi di spending review gestiva le sue risorse. Siamo a Napoli. Nei giorni in cui parenti e amici di Davide Bifolco, il 17 enne del rione Traiano ucciso dopo un inseguimento da una pattuiglia di carabinieri, scendono in strada per protestare. Davide era in motorino, non si era fermato all’alt ed era stato colpito a morte. Il Cptv di Napoli è il centro che gestisce il personale di regia e di ripresa. Mette a disposizione una stazione satellitare completa di camera e operatore ed è pronto a supportare i servizi tecnici e a dare assistenza. Ma l’offerta viene ignorata. Una dopo l’altra, fulgido esempio di pianificazione produttiva, vengono appaltate ai privati sei troupe, rispettivamente per la Vita in diretta, Tg1, Tg2, Tg3, Tgr e RaiNews24. E non è finita: anche Radiorai è presente con un inviato e un suo tecnico. È appena il caso di ricordare che il centro Rai di Napoli può contare su oltre 100 dipendenti compresi operatori e giornalisti (nel cui organico fino a qualche tempo c’era anche Clemente Mastella). Un esercito che non è bastato per coprire l’evento. La vicenda finì su un volantino fatto stampare dalla segreteria regionale dello Snater, un sindacato autonomo interno. Il dg Luigi Gubitosi a distanza di mesi lo ha fatto fotocopiare e nell’ultima audizione lo ha messo sotto il naso della commissione di Vigilanza Rai. Esempio lampante di duplicazione o meglio sarebbe dire «sestuplicazione» produttiva.

CHI PAGA?

«Chi paga questa follia»?, si chiedeva ai tempi lo Snater. Domanda a cui si sta cominciando a dare una risposta perché la Rai del futuro per stare sul mercato dovrà cambiare registro. Ma senza disperdere il patrimonio di professionalità e competenze interne si riuscirà a far tornare i conti? Il cda di viale Mazzini ha di recente approvato un piano di ristrutturazione cui è allegato un dossier di 130 pagine – che Il Messaggero ha potuto consultare in esclusiva che illustra con dovizia di particolari un andazzo allegro, indifferente alle ragioni di chi paga il canone e della corretta gestione dei fondi disponibili. Per la messa in onda del telegiornale, di una normale edizione del Tg1 ad esempio, la tv di Stato mobilita 19 persone: 2 tecnici audio; 2 tecnici video; 1 mixer video; 1 regista; 1 assistente regia; 1 coordinatore tecnico: 2 specializzati di ripresa per microfoni e luci: 3 operatori di ripresa; 1 titolatore, 1 tecnico e assistente redazionale; 1 impiegato di redazione, 1 coordinatore giornalistico, più un vicedirettore e naturalmente il conduttore. Per coprire la fascia notturna e rendere possibile la messa in onda delle news vengono impiegate 7 squadre complete. Perché non utilizzare il rullo di Rainws24?

TRASFERTE VARIABILI

Detto che la Rai resta leader negli ascolti per l’informazione e che le eccellenze a Saxa Rubra non mancano, ci si chiede se queste risorse non potrebbero essere ottimizzate e distribuite diversamente. Tutto questo si riflette sui costi. Nelle tabelle del dossier, Tg1, Tg2, Rai Parlamento, Tg3, Rainews 24 e Tgr, il pacchetto completo insomma, ha un costo complessivo di 423 milioni l’anno, tra impiegati, operai e giornalisti, di cui 60 milioni per esterni di produzione. «Finito il Tg andiamo a preparare “8 e mezzo”, a volte per fare in tempo dobbiamo correre per le scale», racconta un operatore de La7. Impensabile alla Rai. La madre di tutti gli sprechi è l’immagine simbolo di Brisbane, quei sei microfoni Rai piazzati davanti a Renzi al G8 in Australia. A parte i 60 mila euro tirati fuori per finanziare la spedizione, colpiscono i dettagli della trasferta e le differenze tra i pernottamenti e le spese a pie’ di lista tra una testata e l’altra. Che il pluralismo sia questo? «Chi è stato ad autorizzare quei viaggi?», ha obiettato Vittorio Di Trapani, segretario Usigrai, il sindacato che nei prossimi giorni farà un referendum per approvare un suo piano sull’informazione. Quello varato dal dg prevede l’accorpamento delle testate senza cancellarle. Il Tg3 e Rainews24 mettono insieme 421 persone. La testata diretta da Monica Maggioni – relegata al canale 48 del digitale terreste e penalizzata dal passaggio in chiaro di Skynews24 – impiega da sola, tra staff e redazioni, 254 persone. Nel nuovo progetto di trasformazione dell’informazione l’All news di Saxa Rubra giocherà un ruolo molto importante. L’entità dell’investimento su raiNews appare meno incomprensibile leggendo cosa si scrive nel focus presentato alla Vigilanza. Quando si dice che a partire dal gennaio scorso «il sistema di produzione è in una situazione di inaffidabilità». Ritardo tecnologico, infrastrutture vetuste e sedi sovradimensionate. La riforma non potrà non tenere conto di un rilancio complessivo dell’azienda a lungo leader in Europa e che esporta l’immagine dell’Italia. Il documento illustrato ai parlamentari denuncia infine il «grado di sovrapposizione e inefficienza» delle 7 testate, «in uno scenario di mercato che evidenzia nel 2007 una costante decrescita dei ricavi». E all’appello mancano sempre gli introiti dell’evasione del canone, stimato in passato dalla Corte dei conti intorno ai 600 milioni. Ma questo è un altro discorso.
I costi dei Tg Rai


 Per seguire Renzi in Australia la Rai ha speso 60.500 euro Giornalisti Impiegati di testata Impiegati di produzione Giornalisti Produzione Costi esterni testate Costi esterni produzione Spese complessive 2014: 373 milioni Oggi 19 persone sono coinvolte nella messa in onda di un Tg Rai 1 conduttore 1 vicedirettore 1 coord. giornalistico 1 impiegato di redazione 1 assistente tecnico 1 titolatore 3 operatori di ripresa 2 addetti microfoni e luci 1 coordinatore tecnico 1 assistente regia 1 regista 1 mixer video 2 tecnici video 2 tecnici audio Quanti dipendenti Rai lavorano per l’informazione: 1.942 per le testate e 1.234 per la produzione Tg1 Tg2 Tg3 Rai News 24 Radio1 Produzione Prod. Radio Tg1 Tg2 Tg3 TgR Rai News 24 Rai Parlamento totale Tg1 Tg2 Tg3 TgR Rai News 24 Rai Parlamento totale Fra tecnici e giornalisti sono stati spediti in Australia 13 dipendenti che hanno lavorato per 104 giorni (in media 8 giorni a testa)

Il progetto per le news e l’accorpamento dei tg Il Piano approvato dal cda della Rai prevede l’accorpamentodi duenewsroomdelle testate giornalistiche. Tg1, Tg2e Rai Parlamentodaunaparte, Tg2, Tgr eRainews24 dall’altra. Nessuno dei “marchi” avrà la prevalenza sull’altro.Aregime ilnuovo palinsesto informativo consentiràun risparmio di circa 70milioni di euro l’anno. Integrazioni e sinergieverranno rafforzate. Le redazioni regionali si caratterizzeranno per il ruolo di corrispondenza della loro regione ecomesupporto. Rainews24diventerà il luogo unico delle newssul web. La scheda