Cinema, Comunicazione, New media, Pubblicità, Radio

09 marzo 2015 | 18:29

Dieci anni di pubblicità in Italia. Il calo dei media tradizionali e la ricerca di nuovi mezzi di comunicazione (INFOGRAFICA)

Al centro delle strategie di marketing non ci sono più la tv e altri mezzi classici, ma nuove forme di comunicazione più personalizzate e vicine al pubblico di riferimento. E’ questo il dato che emerge dalla ricerca 10 anni di Adv in Italia presentata da Datamediahub.com. La comunicazione tra pari, il passaparola, quindi come mezzo di comunicazione più efficace. Il totale del mercato è calato di oltre il 30% negli ultimi 10 anni passando, per tv, internet e stampa, da 8240 milioni di euro nel 2004 a 5739 nel 2014.

Infografica da Datamediahub.com

Analizzando ciascun mezzo in modo dettagliato risulta evidente come il calo, eccezion fatta per internet, sia generalizzato. La stampa, con i quotidiani e periodici, ha registrato un calo del 54.9%. Nel 2004 gli investimenti per questo mezzo erano di 2891 milioni di euro, mentre il 2014 si chiude a 1304. Anche la tv, da sempre regina della comunicazione d’impresa nel nostro paese, perde il 22.9% passando da 4551 a 3510 milioni di euro. Situazione particolare per la radio che in dieci anni ha perso il 13.5%, restando tra tutti il mezzo che tiene meglio, forse perché in parte complementare ad Internet ed in parte perchè le occasioni di fruizione sono anche esclusiviste. Crollo vertiginoso per cinema ed outdoor che perdono rispettivamente il 57.8 ed il 73.3%.

Infografica da Datamediahub.com

In questo scenario apocalittico la tv comunque guadagna quota passando dal 55.2% del 2004 all’attuale 61.1%. Internet, che cresce del 408% nel decennio, vede aumentare la sua quota dal 1.4% nel 2004 al 8.2% del 2014. Complice anche la crisi, la crescita degli investimenti sul web, che apre il 2015 con un calo del 10%, non compensa assolutamente il calo degli altri mezzi.

Infografica da Datamediahub.com

 

Infografica da Datamediahub.com