L’invenzione di un ingegnere cosentino velocizza Internet sulla Rete in rame

(AGI) Mentre il governo e gli operatori telefonici si confrontano senza passi avanti sul futuro della rete a banda larga italiana, alcuni tra i principali operatori del settore stanno collaudando, ancora in gran segreto, un nuovo e semplice software messo a punto nel corso di vent’anni di ricerche da Giancarlo Costabile – ingegnere di Cosenza, classe 1958, laurea al Politecnico di Torino – e registrato presso l’Ufficio italiano brevetti e marchi per i buoni uffici dello Studio De Simone di Roma, tra i piu’ accreditati in Italia in materia di brevettazione.

Inserito come qualsiasi semplice e leggero software nel server che trasmette i dati in rete e nel “client” (cioe’ nel computer o nello smartphone) che li riceve, l’algoritmo, ovvero il software che lo contiene, moltiplica per otto volte la capacita’ di trasmissione (e memorizzazione magnetica) dei dati, su qualunque tipo di rete, fissa o mobile che sia: rame, fibra ottica, Gsm, 3G, 4G. Cosi’ come sono attualmente, senza aggiungere una vite, ne’ un filo elettrico ne’ un transistor, da nessuna parte, le reti moltiplicano fino a otto volte la loro originaria capacita’ di trasmissione: una poco costosa soluzione copernicana che giova infinitamente alla collettivita’ e consente di differire di anni la ricostruzione delle reti fisiche.

“Il mio algoritmo agisce”, spiega Giancarlo Costabile, “sul codice su cui sono scritti i dati, non sui sistemi di trasmissione”. Adottandolo, cioe’ scaricando e installando il programmino nei nostri computer, nel giro di un paio di mesi l’applicazione si diffonderebbe a macchia d’olio e il sistema troverebbe bell’e pronta la “next generation network” (rete di nuova generazione) sulla quale i privati litigano e gli Stati non realizzano, anche perche’ non hanno o non possono spendere gli 80 miliardi di euro (12 solo in Italia) di preventivo. Il prodotto provvisoriamente “Si chiama Alisa encoding”, spiega ancora Costabile, “perche’ riecheggia il nome della persona cui mi sento piu’ vicino: quest’algoritmo e’ la mia vita e glielo dedico”, e sorride. L’algoritmo e’ oggetto di una spettacolare segretazione e non puo’ spostarsi prima di avere completato un check-out autorizzativo dei responsabili della sicurezza; d’altro canto occorre garantirne il totale, attivo e ininterrotto controllo fisico finanche per la eventualita’ che il portatore cessi di vivere o di essere abile. Molte persone impegnate dunque e anche noi siamo stati invitati a sperimentare personalmente il sistema e a darvene resoconto. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci