Mercato

11 marzo 2015 | 11:26

Un dibattito sul dilemma carta o digitale al Palazzo delle Stelline

Un libro è un libro ovvero come evitare gli integralismi a favore della carta o del digitale.  Dopo cinque anni di dibattiti tra sostenitori degli ebook e difensori dei libri di carta possiamo fare un punto e laicamente provare a vedere cosa è cambiato davvero? Si legge nel comunicato. Se domani il digitale sparisse cosa vi mancherebbe? E se sparisse la carta? Per una volta proviamo a non farne solo una questione di mercato, di numeri a confronto: chiediamolo dunque non solo agli editori, ma anche ai lettori, forti o morbidi, agli autori, e ai professionisti, ai bibliotecari, a chi ha utilizzato il digitale per superare le barriere, a chi ha rivalutato la produzione artigianale del libro, a chi lo ha portato a scuola…

Venerdì 13 marzo, ore 10 Palazzo delle Stelline – Sala Volta, corso Magenta 61, Milano, ore 10

Saluti
Claudio Gamba / Regione Lombardia

Intervengono
Si fa presto a dire digitale
Paola Dubini / Università Bocconi

Leggere per studiare
I risultati di una ricerca con gli studenti universitari
Piero Attanasio / Associazione Italiana Editori

Lettori connessi, lettura aumentata
Twitter come “second screen” del libro
Paolo Costa / Università di Pavia

Dai Meridiani, agli Oscar, al digitale
Come gestire un catalogo tra carta e digitale
Sandra Furlan ed Elisabetta Risari / Mondadori Libri

Leggere senza barriere
Il digitale per leggere con le mani
Cristina Mussinelli / Fondazione Lia

Tra libro e libro elettronico
Un’indagine al Salone di Torino
Maurizio Vivarelli / Università di Torino

Leggere comunque
“Diete” di lettori onnivori di eccezione
Franca Cavagnoli / Traduttrice
Laura Lepri / Circolo dei lettori – Fondazione Pini

coordina
Luisa Finocchi / Fondazione Mondadori