Comunicazione, Editoria

24 marzo 2015 | 17:45

Cairo non gradisce la candidatura di Costa alla presidenza di Rcs. “Non ha certo lasciato Mondadori in condizioni eccellenti”

(MF-DJ) L’ipotesi della presidenza di Rcs affidata all’ex numero uno di Mondadori, Maurizio Costa, non raccoglie il consenso di Urbaino Cairo. Parlando a margine della Star Conference in corso a Palazzo Mezzanotte, l’editore piemontese ha infatti ricordato i discutibili risultati ottenuti dal top manager alla guida del gruppo di Segrate, mostrando di non gradire affatto il suo nome per la presidenza della Rizzoli. “Forse bisognerebbe  vedere che cosa ha fatto in Mondadori; non mi sembra che abbia un track record strepitoso e non credo che abbia lasciato il gruppo in condizioni eccellenti”, ha infatti osservato Cairo, secondo il quale “considerando che la Rizzoli è reduce da annate un po’ difficili, magari ci vorrebbe qualcun altro”. L’editore piemontese, che detiene in Rcs una quota del 3%, ha anche detto che – non facendo parte dell’attuale Cda – “non spetta a me fare valutazioni su chi dirigerà il Corriere della Sera o su chi andrà alla guida del gruppo. Ma se questo è il nuovo che avanza…” (MF-DJ, 24 marzo 2015)

Urbano Cairo (foto Olycom)

Urbano Cairo (foto Olycom)